TURISMO. Fiavet Lazio, Roma: aumentano turisti ma spendono meno

Vacanze romane: la Capitale conserva il suo fascino di Caput Mundi e i turisti aumentano anche durante la stagione estiva, ma arrivano soprattutto in tour organizzati, si fermano meno notti e spendono meno dell’anno scorso. L’andamento della stagione turistica estiva a Roma evidenzia un aumento di circa l’11% rispetto al 2009 con alcune particolarità, come sottolinea l’analisi di Fiavet Lazio: "In generale il settore ha registrato un incremento degli arrivi del turismo organizzato, cioè per gruppi e famiglie con servizi preordinati. Un segno incoraggiante per le imprese del settore, dovuto anche alla rinnovata necessità della clientela internazionale di sentirsi tutelata durante il viaggio. L’indagine della Fiavet Lazio ha infatti accertato quanto informazioni negative riguardanti il nostro paese, quali disservizi o truffe ai turisti, o fatti di cronaca, sempre legati ai turisti, vengano veicolate tramite canali mediatici nei vari Paesi o dalle emittenti satellitari, creando un effetto negativo sulla domanda turistica e, contemporaneamente, un aumento delle richieste verso il turismo organizzato, a discapito del ‘fai da te’".

Aumentano i turisti ma spendono meno: rispetto all’anno scorso, è diminuita la spesa media della vacanza che si attesta sui 330 euro a persona, e diminuisce anche la durata del soggiorno, in media due giorni e mezzo, con punte negative di un solo pernottamento. Da questo andamento si distaccano i gruppi che vengono dal Sud America, che abbinano tour religiosi e culturali e dunque si fermano di più e spendono in media 400 euro a persona.

Diverso invece l’andamento del turismo business: sono infatti in flessione i viaggi d’affari (-40%), i viaggi "motivazionali" delle aziende (-60%), e delle organizzazioni congressuali dall’estero (-30%). "Questo settore – spiega la Fiavet – risente della crisi economica internazionale in maniera molto più rilevante rispetto al turismo culturale, ma assume per la città di Roma un’importanza strategica considerato l’alta capacità di spesa dei partecipanti a questi viaggi".

Spiega ancora Fiavet Lazio: "L’andamento degli arrivi a seconda della nazionalità, sempre usando come termine di paragone il 2009, ha visto aumentare: Americani (+6%), Australiani (+2%), Canadesi (+3%), Svedesi e Norvegesi (+2%), Arabi (+4%), Indiani (+12%), Cinesi (+10) e turisti dei paesi del Sud-America in particolare dall’Argentina (+8%). Sono invece diminuiti a causa della crisi economica, gli arrivi registrati dalla Spagna (-9%), dal Portogallo (-4%), dall’Inghilterra (-5%), dall’Olanda (-3%) e dall’Austria (-3%). Registrata inoltre una flessione per quanto riguarda il Giappone (-11%), paese dal quale si prevede un ulteriore decremento in autunno data la non operatività della compagnia Japan Airlines, a partire dal 1 ottobre 2010".

Comments are closed.