TURISMO. Istat: meno 8% di viaggi per gli italiani nel 2009

Gli italiani viaggiano meno: nel 2009 si è infatti registrata una riduzione dell’8% del numero di viaggi rispetto al 2008. Diminuiscono soprattutto le vacanze brevi e il numero di persone che va in vacanza in media in un trimestre, mentre i viaggi si concentrano soprattutto nel periodo estivo. È quanto rileva oggi l’Istat nelle stime "Viaggi e vacanze in Italia e all’estero" relative al 2009.

Nel 2009, dunque, i viaggi con pernottamento effettuati dai residenti in Italia sono stati 113 milioni e 46 mila, per un totale di 676 milioni e 244 mila notti. Rispetto al 2008 si registra una diminuzione del numero di viaggi dell’8%. In particolare, i viaggi di vacanza, che pesano per l’86,6% sul totale, mostrano una flessione (-8,3%) dovuta alla consistente diminuzione delle vacanze brevi (-11,6%). I viaggi di vacanza lunga (di almeno 4 notti), invece, si mantengono sostanzialmente stabili, e stabili sono anche i viaggi per lavoro che rappresentano il 13,4%.

Rispetto al 2008 si è ridotto il numero di persone che va in vacanza in media in un trimestre (dal 30,4% nel 2008 al 27,9% nel 2009), soprattutto nel Mezzogiorno (dal 23,6% nel 2008 al 20,2% nel 2009). In particolare, rileva l’Istat, diminuiscono i viaggi di vacanza con l’obiettivo di far visita a parenti o amici (-19,3%), soprattutto se effettuati in occasione di vacanze brevi (-24,4%).

Si sono ridotti del 9,4% gli spostamenti con destinazioni italiane, che rappresentano l’82,7% dei viaggi complessivi, con una contrazione più marcata per i viaggi diretti verso le regioni del Mezzogiorno (-19,7%), dove diminuiscono sia le vacanze brevi (-25,3%) sia quelle lunghe (-17,5%). Gli spostamenti verso l’estero, invece, sono stabili. La quota maggiore di viaggi e turisti si concentra d’estate, con una percentuale superiore nel 2009 (42,8%) rispetto al 2008 (38,5%).

Comments are closed.