TURISMO. Italiani in vacanza: tutti i tic e le manie di chi si lamenta dell’albergo

Tic e manie degli italiani in vacanza. Perché se è vero che le ferie, anche brevi, possono essere un momento di relax per ricaricarsi e divertirsi, è altrettanto vero che tutta una serie di ossessioni, piccole manie, richieste più o meno accolte possono innervosire gli italiani in vacanza. Dalla scarsa accoglienza degli hotel al timore di vedersi addebitate spese inesistenti, dalla richiesta della camera con vista panoramica all’instaurarsi di un "feeling" nei confronti del personale. Questo almeno quanto emerge da una ricerca promossa dall’Osservatorio Nestlé Professional che ha realizzato 500 interviste a uomini (53%) e donne (47%), di età compresa tra i 25 e i 55 anni, per sondare i desideri degli italiani in vista delle vacanze pre-estive in albergo, il cui primo assaggio si avrà con il ponte del prossimo 2 giugno.

Dalla ricerca emerge che molte richieste sono diverse a seconda della provenienza geografica di turisti e viaggiatori: "Se al Nord 7 vacanzieri su 10 sono ossessionati dalla posizione dell’hotel, al Centro 4 su 10 non transigono sul menù, mentre al Sud si dimostrano i più scrupolosi nello scegliere l’offerta più conveniente (52,2%); il 33,2% dei viaggiatori del nord ovest infine, non transige sulla vista dal balcone, rigorosamente panoramica.".

In generale, sei italiani su dieci si lamentano del servizio troppo lento e del personale invadente. Per il 57,5% degli italiani "l’aspettativa della vacanza è guastata da un senso di trascuratezza e poca ospitalità: tra i problemi più frequenti c’è la sensazione di sentirsi ignorati ed essere infastiditi da un servizio troppo lento (44,5%) o troppo veloce (41,5%)". Il 59% degli intervistati è infastidito da un comportamento non troppo disponibile da parte del personale, seguito da servizio ritenuto scadente (35,3%), e da un’atmosfera sbagliata (19%). Per la ricerca, ci sono anche delle richieste "geograficamente connotate", per così dire: per il turista del Nord è fondamentale la posizione dell’albergo (71,7%) e il design (21%), mentre chi arriva dal Centro Italia usa come criterio principale di scelta il prezzo (74,5%), e dal Sud ci si concentra sui servizi offerti al minor costo possibile (52,2%).

Comments are closed.