TURISMO. Lazio, per i campeggi a quattro stelle servirà la postazione Internet

Campeggi al passo con i tempi, a tre o quattro stelle: si può ma bisogna avere Internet. Villaggi turistici, campeggi e strutture ricettive all’aria aperta della Regione Lazio dovranno offrire servizi aggiuntivi per aggiudicarsi le tre o quattro stelle. I campeggi a quattro stelle dovranno dotarsi di una postazione Internet e avere personale di reception che parli due lingue straniere. Per i campeggi a tre o quattro stelle sarà obbligatorio avere servizi per il pagamento con carta di credito e assicurare almeno 90 litri d’acqua al giorno a persona. Quelli che sono aperti tutto l’anno dovranno avere impianti di riscaldamento per locali comuni e unità abitative. È quanto prevede il nuovo regolamento di disciplina delle strutture ricettive all’aria aperta della Regione Lazio, che fissa i requisiti minimi funzionali e strutturali per ogni categoria e sta per essere approvato in via definitiva della Giunta, con l’obiettivo di assicurare standard uniformi ed elevare la qualità delle strutture.

Tutti i campeggi e i villaggi, di ogni categoria, dovranno inoltre assicurare l’adeguata illuminazione degli accessi e delle aree comuni. Le strutture avranno 18 mesi di tempo per adeguarsi ai livelli minini, pena la chiusura dell’attività, mentre spetterà alle amministrazioni provinciali recepire il nuovo regolamento e classificare villaggi e campeggi. "Le strutture all’aria aperta hanno un mercato importante che è sbagliato considerare di serie B – ha detto Claudio Mancini, assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo – Ma per competere sul piano internazionale dobbiamo puntare sulla qualità".

Comments are closed.