TURISMO. Pasqua, Confesercenti-Swg: 7 mln di famiglie in vacanza

C’è chi può. E chi può, parte e a Pasqua si concede una vacanza. Saranno sette milioni di famiglie, con una spesa in aumento e spinta verso l’alto soprattutto da quanti, appunto, si possono permettere una vacanza spendendo oltre 750 euro. Sono i risultati di un rapporto Confesercenti-Swg: sette milioni di italiani andranno in vacanza a Pasqua, ma rispetto al 2008 saranno 400 mila in meno. Aumenterà sia la spesa complessiva, che toccherà i 9,7 miliardi di euro (+16%), sia quella media pro-capite che passerà dai 460 euro dell’anno scorso ai 564 di quest’anno. A spingere verso l’alto la spesa a persona sono soprattutto coloro che pensano di potersi permettere una vacanza da oltre 750 euro, mentre resta invariato il numero di chi intende spendere non più di 500 euro (70%).

E dove si va? In Campania per chi resta in Italia, tallonata dalla Toscana. In Francia per chi andrà all’estero, con un aumento delle preferenze dall’8% del 2009 al 32% di quest’anno e il sorpasso della Spagna (dal 24% al 13%). Vanno bene anche Germania, Paesi Bassi e Svizzera.

"Fra coloro che andranno via da casa per Pasqua gli "abbonati" alle gite fuori porta restano inalterati (11%), mentre cresce sia il numero delle famiglie che andranno in vacanza da 4 a 6 giorni (+5%), sia quello di chi ha deciso di "rompere" con lavoro e scuola per una settimana (+2%)", rileva la ricerca. La formula più gettonata è quella della vacanza in famiglia (50%) ma sono in ascesa le vacanze in coppia (32%) e con le comitive di amici (24%). Città d’arte, metropoli, terme, ma anche le "vacanze verdi" sono i luoghi che vedono aumentare i consensi dei vacanzieri, mentre il mare , che rimane comunque l’obiettivo preferito, cala leggermente come la montagna. E c’è anche un 3% che non si negherà una crociera.

Comments are closed.