TURISMO. Ponte 8 dicembre, Federalberghi: meno italiani in vacanza

Come andrà il "ponte" dell’8 dicembre? Nulla di esaltante secondo Federalberghi: saranno pochi e comunque di meno, rispetto allo scorso anno, gli italiani che partiranno per qualche giorno di vacanza, in media 4 milioni contro i 5,4 milioni dello scorso anno, per un giro d’affari complessivo che si attesterà a 911 milioni di euro (erano 1,2 miliardi nel 2009). Così "l’imminente ‘ponte’ dell’8 dicembre sarà caratterizzato da un numero molto limitato di italiani in vacanza e da un drastico calo del giro d’affari": queste le parole del presidente di Federalberghi-Confturismo, Bernabò Bocca, alla lettura dei risultati di una indagine svolta dalla Federazione con il supporto tecnico dell’Istituto EMG Ricerche dal 25 novembre al 1° dicembre, intervistando telefonicamente 3.000 italiani.

L’occasione di vacanza, offerta quest’anno dalla collocazione infrasettimanale della festività dell’Immacolata, vedrà in movimento circa 4 milioni di italiani, pari all’8,6% del totale della popolazione maggiorenne rispetto ai 5,4 milioni del 2009 (che equivalsero all’11,3% della popolazione maggiorenne). Fra coloro che si partiranno, l’88,3% rimarrà in Italia, a fronte di un 11,3% che ha pianificato qualche giorno oltreconfine. Le località di montagna, con le piste ormai innevate, ospiteranno il 44% di coloro che si muoveranno nei prossimi giorni; a seguire le località d’arte (21,1% dei viaggiatori) e il mare (15,9%). La spesa media complessiva procapite si attesterà a 224 euro.

Complessivamente, commenta Bocca, "si tratta di un segnale chiaramente preoccupante, che si concretizza purtroppo e soprattutto alla vigilia delle festività natalizie, anche se l’anno scorso il ‘ponte’ cadendo di martedì rendeva più comodo, con un solo giorno di ferie, di usufruire di quattro giorni di ‘vacanza’".

Comments are closed.