TURISMO. Promesse non mantenute, tour operator deve risarcire. Vittoria Confconsumatori

Il Giudice di Pace di Pontassieve ha accolto la domanda proposta da un associato della Confconsumatori fiorentina ed ha statuito che l’appartamento reclamizzato per le vacanze dal tour operator deve essere conforme e rispecchiare le stesse qualità offerte al consumatore. Con la sentenza del 1° febbraio 2010 il Giudice di Pace ha così ridotto il prezzo del pacchetto turistico in relazione alla minore accertata qualità della casa prescelta per le vacanze, ed ha condannato agenzia e tour operator, in solido tra loro, non solo alla restituzione di 500 euro per tale minore qualità (pari a circa un terzo del costo del viaggio) ma anche al risarcimento del danno da vacanza rovinata per 200 euro. Per un totale di 700 euro rimborsati all’associato.

Confconsumatori approfitta della sentenza per ricordare ai viaggiatori che è opportuno conservare i cataloghi e le brochure delle agenzie di viaggio onde riscontrare, una volta il loco, le qualità reclamizzate.

PDF: La sentenza

Comments are closed.