TURISMO. Tentato attacco terroristico in Inghilterra. Farnesina e Interni corrono ai ripari

A seguito della scoperta di un progetto di attentato terroristico su vasta scala diretto contro alcuni voli aerei in partenza da Londra, Manchester e Glasgow e diretti negli Stati Uniti, il Ministero degli Esteri consiglia di non recarsi negli aeroporti inglesi (in particolare Heathrow), a meno che non vi sia assoluta necessità di partire.

"In questa situazione – si legge nella nota della Farnesina – è anche opportuno sospendere i viaggi dall’Italia verso l’Inghilterra previsti per oggi, e con ritorno in serata o domani, fino a quando non si avrà notizia di un miglioramento delle condizioni di imbarco negli aeroporti".

Il Ministro dell’Interno, Giuliano Amato, in stretto contatto con la Presidenza del Consiglio e con il Ministero dei trasporti, sta seguendo personalmente l’evolversi della situazione in seguito all’allarme attentati in Gran Bretagna. "Allo stato attuale non ci sono segnali specifici di allarme per l’Italia – comunica Amato – Il Viminale ha comunque intensificato la vigilanza su tutti gli obiettivi sensibili, con particolare riguardo a strutture riferibili al Regno Unito".

Per quanto riguarda la sicurezza dei voli sono state impartite al personale addetto direttive di massima attenzione nei controlli su persone e bagagli, con l’apertura a campione di questi ultimi. Per il momento, invece, non sono previste misure da allarme rosso, come il divieto di portare bagagli a mano. Su questo punto si valuterà anche l’evolversi della situazione negli aeroporti britannici.

Intanto, il governo britannico ha ordinato importanti misure di sicurezza in tutti gli aeroporti del Paese: non saranno ammessi bagagli a mano e tutti i bagagli dovranno passare per il check-in; non sarà autorizzato condurre a bordo sostanze liquide (gli esplosivi scoperti infatti sarebbero liquidi); le procedure di controllo saranno particolarmente lunghe e severe e in genere ripetute anche nella sala d’imbarco.

Comments are closed.