TURISMO. Todomondo e MyAir, Consumatori: prorogati termini per insinuazione al passivo

È ancora possibile presentare domanda per l’insinuazione al passivo per Todomondo e MyAir. I termini sono stati infatti prorogati e i consumatori possono ancora presentare la domanda. A riferirlo è Federconsumatori, che finora ha raccolto 175 domande di insinuazione allo stato passivo per Todomondo, molte inoltrate anche al Fondo di garanzia nazionale, e 240 domande per MyAir.

Quali dunque gli aggiornamenti?

  • Todomondo: il curatore del fallimento ha ottenuto il rinvio dell’udienza di verifica dal 1° Febbraio al 31 Marzo 2010. Pertanto il nuovo termine per presentare le domande di insinuazione allo stato passivo è il 01/03/ 2010.
  • MyAir: Il tribunale di Vicenza ha decretato il 03/02/2010 il fallimento della compagnia aerea low cost con sede a Torrichia Vartesolo, schiacciata da un passivo di 96 milioni di euro. Dopo questa decisione la Procura vaglierà la sussistenza di eventuali reati fallimentari nei confronti dei responsabili del vettore low cost. Per quanto riguarda le domande di insinuazione i termini sono stati prorogati al 27/03/2010. Pertanto per chi non ha ancora presentato domanda può ancora farlo.

Si può dunque presentare la domanda sia agli sportelli di Federconsumatori sia allo Sportello nazionale per la tutela del turista, almeno dieci giorni prima della scadenza del termine.

"Per quanto riguarda i cittadini lasciati a terra dalle compagnie aeree, però, vi è il rischio concreto di non ottenere il dovuto rimborso o risarcimento – informa Federconsumatori – Infatti, l’attuale Fondo di Garanzia Nazionale previsto all’art. 100 del Codice del Consumo, si riferisce ai soli casi di insolvenza da parte dei Tour Operator o delle agenzie di viaggi, senza fare alcun riferimento al fallimento delle compagnie aeree". Per questo l’associazione ha chiesto di estendere la copertura del Fondo anche ai casi di insolvenza delle compagnie aeree.

Comments are closed.