TURISMO. Tour operator: Cassazione: causa anche per disservizi che dipendono da operatore locale

Secondo la Corte di Cassazione, il viaggiatore può fare causa al tour operator per i disservizi che dipendono dall’operatore locale. "Non significa che si abbia il diritto al rimborso, ma quantomeno si ha il diritto di far causa al tour operator nostrano per il fare (o per il non fare) dei corrispondenti esteri di cui il tour operator si avvale" spiega Giovanni D’Agata, componente nazionale del Dipartimento Tematico "Tutela del Consumatore" di Italia dei Valori. "In termini più semplici, se il tour italiano mi propone un pacchetto, dove sono compresi i servizi di tour operator esteri (noleggio di auto ad esempio) e questi creano un danno al viaggiatore, anche il tour italiano ne risulta responsabile" aggiunge D’Agata.
I giudici hanno stabilito, infatti, che "in tema di contratti atipici (nella specie, contratto di viaggio) il contratto concluso con l’intermediario legittima il viaggiatore – consumatore ad agire direttamente nei confronti dell’organizzatore (o tour operator) come diretta controparte contrattuale e responsabile in caso di inadempimento".

Comments are closed.