TURISMO. UNC: gli italiani scelgono le microvacanze

Gli italiani scelgono le micro vacanze. Secondo le stime dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC) gli abitanti del Bel Paese sembrano sempre più orientati verso soggiorni brevi, da una a tre notti di permanenza, e viaggi low cost. Lo riferisce UNC in una nota.

"Le vacanze cosiddette ‘mordi e fuggi’ – ha spiegato il Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona – costituiscono un fenomeno di eccezionale rilievo economico e i dati Istat confermano un aumento cospicuo nell’ultimo anno". Dai dati relativi al 2007 risulta infatti che le microvacanze con pernottamenti fino a tre notti sono aumentate del 9,6% rispetto al 2006. I soggiorni di vacanza più lunga invece (di più di 4 notti), hanno subito una diminuzione rispetto al 2006 (- 2,1%). Considerando sia le vacanze brevi, sia le lunghe, la durata media dei soggiorni di vacanza si attesta nel 2007 a 6,4 notti, rispetto alle 7,1 notti del 2006 (dati Istat).

E’ in calo invece il fenomeno della multiproprietà, che consiste nel diventare comproprietari di un immobile per una quota millesimale, riservandosi il diritto di disporne pienamente in un periodo dell’anno predeterminato. L’UNC ha ricevuto diverse segnalazioni riguardanti inefficienze e disservizi da parte di viaggiatori che lamentano casi di vere e proprie truffe.

"Per ciò che riguarda i voli low cost – ha spiegato l’associazione – altra tendenza in forte ascesa negli ultimi anni, bisogna registrare che quest’anno i prezzi sono un po’ in rialzo. Secondo un’elaborazione de Il Sole 24 Ore, risulta che nel mese di maggio 2008 il prezzo dei biglietti delle compagnie a basso costo è cresciuto del 14% rispetto al 2007, passando in media da 71 a 81 euro.

Comments are closed.