TURISMO. Vacanze estive in hotel? Vicino al mare e lontano dalle masse

C’è chi preferisce passare le vacanze estive in hotel e sceglie la struttura secondo un preciso identikit "ideale": accesso e vicinanza alla spiaggia, con una grande piscina, in posizione defilata, tranquilla e lontana dalle masse. E’ quanto risulta dal sondaggio condotto da Trivago, il primo motore di ricerca prezzi Hotel europeo, che ha chiesto ai turisti di tutta Europa, nella stagione delle vacanze piú densa di prenotazioni online, quali sono i fattori principali che influiscono nella scelta dell’albergo delle vacanze estive.

Nel sondaggio condotto su un campione di 5322 intervistati in 5 diversi mercati, sono emerse delle differenze di abitudini e gusti piuttosto interessanti. Per esempio, è emerso che l’accesso alla spiaggia o comunque la vicinanza al mare è il primo fattore per tedeschi (41%), italiani (36%), spagnoli (28%) e inglesi (26%). Diversamente, per i francesi, la presenza della spiaggia non è così importante (10%); molto più rilevante diventa invece la presenza di una piscina in Hotel (21%) dove ritagliarsi un posto al sole e poter fare comunque un tuffo rinfrescante nelle ore più calde della giornata.

Se la piscina è molto richiesta da tedeschi (13%) e spagnoli (14%) che la posizionano al secondo posto nelle loro preferenze, per gli italiani (9%) la piscina è un plus, ma non fa la differenza. Sono sempre i francesi a distinguersi anche per quel che riguarda l’ubicazione dell’Hotel, che nelle loro preferenze deve trovarsi in una zona calma e tranquilla (20%). Anche gli inglesi, per assicurarsi il totale relax da vacanza, scelgono una location più appartata (17%) per trascorrere le vacanze in totale privacy e tranquillità.

Per gli spagnoli e gli italiani il relax può conciliarsi invece con il divertimento: i nostri connazionali considerano infatti importante la posizione tranquilla dell’albergo (10%), quasi tanto quanto la possibilità di raggiungere in breve tempo le principali attrazioni notturne (9%). Superfluo per italiani (4%), tedeschi (3%), spagnoli (4%) e inglesi (4%), la presenza di animazione e programmi di intrattenimento in Hotel, mentre sono più importanti le attività dedicate ai bambini, servizi particolarmente ricercati da spagnoli (10%), inglesi e francesi (8%). Irrilevante, o forse anche scontato, soprattutto per tedeschi (5%) e spagnoli (7%) che in albergo vi sia l’aria condizionata; mentre per i più pratici inglesi (17%) e francesi (14%) il condizionatore è in cima alle preferenze. E proprio per questi ultimi il "superfluo", come la presenza di un Centro Benessere in Hotel, non è necessario (registrano rispettivamente 2% e 5% delle preferenze). Diversamente, spagnoli (11%) e italiani (9%) considerano la presenza di una SPA un servizio gradito che può condizionare nella scelta dell’albergo. Ancora una volta si registrano interessanti differenze tra Paese e Paese, ma su una cosa sola tutti sembrano siano d’accordo (3% delle preferenze generali): lo sport mal si concilia con il relax tanto ricercato delle vacanze estive. I vacanzieri considerano le attività sportiva direttamente in Hotel (tennis, beach volley, diving, trekking..) una possibilità a cui farebbero volentieri a meno.

 

 

Comments are closed.