TURISMO. Viaggio, dunque clicco. Ricerca Visa Europe

Sono tanti ormai gli italiani che prenotano da soli i propri viaggi e il 23,9% di questi lo fa attraverso la rete (dati Istat 2009). La carta prepagata è lo strumento di pagamento predominante (estremamente comoda per il 72,2% e sicura per il 61,7%) ed il biglietto aereo l’acquisto online più diffuso (80,2%). L’81,9% di chi acquista i propri viaggi in Internet lo fa perché ha la possibilità di controllare le migliori tariffe e comparare i prezzi, il 73,9% perché ha risparmi in termini di costi e il 68,7% in termini di tempo.

Trasparenza e velocità sono quindi gli aspetti fondamentali di questa scelta, come emerge dalla ricerca di Visa Europe "Traveller e-shopper" secondo cui i viaggiatori internauti sono più orientati ai viaggi di breve e media distanza (l’Italia nell’86,7% dei casi, i Paesi europei nel 68,3%) rispetto alle destinazioni oltreoceano. Ci si affida di più ai siti proprietari (83,7%) e ai portali di viaggio (61,6%), che sono la fonte primaria di informazione per la pianificazione dei viaggi.

L’accoppiata Internet e carte prepagate è in grado di soddisfare la capacità di spesa e le esigenze di attenzione ai costi dell’e-shopper (73,9%). Inoltre la rete è molto gradita come canale d’acquisto perché consente al viaggiatore di essere indipendente (61,7%) e di costruirsi in totale autonomia il proprio itinerario di viaggio (58,6%), ma anche l’ampia libertà di scelta e di offerta (46,3%) è tenuta in alta considerazione.

Oltre a comprare online biglietti d’aereo, ferroviari, per nave e traghetti, i viaggiatori internauti italiani si dimostrano anche attenti a ogni dettaglio e preferiscono pianificare e organizzare online acquistando in anticipo la propria sistemazione in albergo (65,9%), le visite ai musei e altri siti culturali o di entertainment (36,6%), nonché le escursioni (21,2%). Tra le altre voci di spesa indicate spicca l’acquisto di soggiorni termali (18,6%), di crociere (14,6%) e di noleggio di mezzi di trasporto, camper compreso (13%).

Probabilmente a causa della crisi, le destinazioni di viaggio maggiormente cliccate sono a breve-medio raggio: 86,3% acquista viaggi in Italia, mentre il 70,6% in Europa. Tra le mete intercontinentali predomina il Nord America (9,8%) seguito dai paesi africani (8,2%). Oltre alla distanza si riduce anche la durata media dei viaggi prenotati sul web: 31,6% effettua viaggi di 1 settimana e 18,5% 4/5 giorni – negli ultimi due anni la frequenza dei viaggi è stata notevole con un italiano su due che ha dichiarato di aver utilizzato la propria prepagata più di 7 volte per acquistare viaggi online.

I viaggiatori internauti portano con sé la loro prepagata anche in vacanza e la utilizzano per la ristorazione (61,7%) e per lo shopping di vari generi (57%), oltre all’entertainment (media del 35,5%). Ma ciò che sembra attirare fortemente gli italiani in vacanza, dopo cibo e shopping, è la volontà di restare connessi con il resto del mondo: il 42,6% degli intervistati, infatti, usa la propria prepagata per telefono e web. Infine, un’altra spesa rilevante su carta prepagata riguarda gli spostamenti (34,3%), mentre, a sorpresa, i souvenir non risultano ai primi posti tra le spese dei viaggiatori internauti (27%).

"In generale la carta prepagata è la migliore alleata del turista, non solo nel momento dell’acquisto ma anche in viaggio – afferma Davide Steffanini, Direttore Generale Visa Europe in Italia – Grazie alla sua ampia accettazione e agli oltre 200 Paesi in cui siamo presenti, le carte Visa prepagate godono di un’ampia accettazione globale. Possono essere usate ovunque nel mondo, oltre a poter essere ricaricate facilmente anche a distanza nel caso di raggiungimento del plafond quando si è all’estero. Inoltre, non c’è alcuna necessità di avere od ottenere contanti in una valuta straniera: la carta prepagata Visa è spendibile in tutte le valute del mondo. Queste – ha concluso Steffanini – sono indubbiamente delle ottime certezze per i nostri viaggiatori italiani".

 

Comments are closed.