TUTELA CONSUMATORI. Aiazzone, Adoc studia costituzione parte civile

E’ di ieri la notizia dell’arresto di 3 persone per il crac Aiazzone. L’attivita’ di indagine, iniziata nel marzo 2010, ha consentito agli inquirenti di scoprire le condotte illecite poste in essere dal gruppo imprenditoriale utilizzatore del marchio Aiazzone consistite, in particolare nella bancarotta fraudolenta, la sottrazione fraudolenta dal pagamento delle imposte ed il riciclaggio. Adoc fa sapere che è allo studio una possibile costituzione come parte civile in rappresentanza e a tutela degli interessi dei consumatori. Già a Torino sono centinaia le segnalazioni arrivate dai consumatori rimasti senza mobili ma con cospicue rate da pagare. L’Adoc, ad ogni modo, invita tutti gli interessati a interrompere immediatamente i pagamenti della rate alla società finanziaria e ad inviare una lettera di diffida alla società, e per conoscenza all’Adoc, affinché interrompano la riscossione delle rate stesse, a causa del mancato adempimento del contratto.

Comments are closed.