TUTELA CONSUMATORI. Autorità, torna empasse. MC: veti politici non devono bloccare AEEG

La mancata nomina del presidente dell’Autorità energia è grave. Va superata la logica dei veti contrapposti perché "i veti politici incrociati non devono bloccare l’attività dell’Autorità per l’energia": è quanto commenta il Movimento Consumatori riguardo alla decisione di Antonio Catricalà, designato dal Consiglio dei Ministri quale futuro presidente dell’AEEG, di rinunciare alla carica per i veti incrociati tra le forze politiche.

"La mancata nomina – commenta Ovidio Marzaioli, responsabile del settore Energia & Ambiente MC – blocca di fatto una delle autorità più sensibili e attive nella tutela del consumatore e rende esplicito un timore già percepito, e cioè che il distacco tra Paese reale e la politica è sempre più netto. Non nominare in tempi brevi il nuovo presidente dell’Autorità significa paralizzare l’opera di controllo e indirizzo del mercato elettrico e del gas che trasversalmente interessa tutte le fasce sociali del Paese, attraverso le tariffe delle bollette elettriche e del gas. Auspichiamo il superamento dei veti contrapposti in nome degli interessi e dei diritti dei consumatori che, ancora una volta, non debbono essere sacrificati agli interessi delle forza politiche".

Comments are closed.