TUTELA CONSUMATORI. BNL offre prestito per Smart, Altroconsumo denuncia rate poco trasparenti

Il Gruppo BNL fa un’offerta di prestito finalizzato: comprare a rate direttamente allo sportello delle sue filiali una Smart "a 10.890 euro con un finanziamento agevolato, con rate da 111 euro al mese senza maxirata finale e con le prime sei rate in omaggio" (per le auto immatricolate entro il 30 giugno 2010). Il problema è che allo sportello non si trova alcuna informazione sui costi del prestito e non c’è alcun foglietto informativo né sul sito della banca né allo sportello.

E’ quanto denuncia Altroconsumo che ribadisce che per legge il foglietto informativo con i costi del prestito deve essere messo a disposizione del pubblico. L’Associazione dei consumatori, in veste di cliente, ha visitato a metà maggio le agenzie di Roma e Milano della BNL, dove la mancanza di informativa da consegnare al cliente è stata giustificata dalla "recentissima" partenza della campagna promozionale (all’inizio del mese).

Il materiale sulle specifiche del contratto di finanziamento – secondo la banca – non poteva essere rilasciato ad estranei, in quanto a "uso interno, nonostante la pubblicità assicurasse la disponibilità di condizioni e fogli informativi presso tutte le filiali BNL.

Altroconsumo denuncia un altro punto critico: l’iter complicato per godere dell’offerta. In primis l’obbligo di aprire un conto corrente; cosa di cui non si fa cenno nella pubblicità. Per attivare il prestito non basta, come sembrerebbe dal messaggio pubblicitario, andare allo sportello ma bisogna prima visitare una concessionaria Smart e ordinare la vettura. Poi, ritirata la documentazione, è la concessionaria ad inoltrare le pratiche a BNL. Approvato il finanziamento, in un’agenzia della banca può avvenire la sottoscrizione del contratto.

Ma quanto costa veramente questo prestito? Altroconsumo ha fatto i conti utilizzando il comunicato stampa di BNL e la pubblicità, in cui si legge che il prezzo di 10.890 euro si riferisce alla Smart Revolution fortwo coupé 52 Kw mhd, Iva e messa su strada inclusa (IPT esclusa). Bisogna versare un anticipo minimo di 1.750 euro e poi sono previste 120 rate da 111 euro al mese (di cui le prime 6 pagate direttamente da Smart), le spese di istruttoria sono pari a 250 euro, la polizza a copertura del credito (facoltativa) costa 601 euro, l’imposta sostitutiva 25 euro: il Tan è al 5,95% e il Taeg al 6,71%. Non sono previste penali di estinzione anticipata.

"Fatti i dovuti calcoli (anticipo compreso) il Taeg è del 7,24% che sale all’8,83% includendo, anche tra le spese, l’assicurazione a copertura del credito. Un’offerta in linea con i Taeg dei nostri Migliori Acquisti per i prestiti personali – scrive Altroconsumo – quindi non così conveniente".

 

Comments are closed.