TUTELA CONSUMATORI. Casper in campo contro le speculazioni

"Contro la speculazione e per il risparmio". E’ questo lo slogan scelto da Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori che hanno deciso di unirsi in un nuovo e battagliero comitato contro le speculazioni.

Secondo i consumatori del Casper (Comitato contro le speculazioni e per il risparmio), è la speculazione il motore che alimenta la stangatada 902 euro annui a famiglia che sta per abbattersi sulle tasche degli italiani: "Di questi 902 euro che usciranno dalle tasche di ciascuna famiglia, ben 700 euro (77% del totale) sono attribuibili a manovre speculative e rincari arbitrari che non trovano alcuna giustificazione economica" sostengono le Associazioni secondo le quali le voci principali che incideranno maggiormente sui bilanci familiari, saranno:

  • Alimentari, che con la ripresa della domanda, in assenza di politiche di liberalizzazione del mercato, aumenteranno di prezzo in modo consistente, dopo un anno di sostanziale stasi (+191 euro);
  • Abitazione, una delle voci che maggiormente risente dei tagli decisi nella manovra di Governo, dato che comprende acqua e rifiuti, oltre ad elettricità e gas. Gli enti locali, infatti, finiranno per traslare sulle famiglie buona parte della riduzione dei trasferimenti, aumentando le tariffe dei servizi pubblici (+189 euro);
  • Trasporti, voce che va dalla riparazione dell’auto alle ferrovie, dalla benzina ai famosi pedaggi autostradali e che, dopo aver inciso dal luglio 2009 al luglio 2010 più di ogni altra voce, avrà anche per il futuro il record di aumento (+195 euro).

Spiccano gli aumenti di banche, assicurazioni, tariffe di acqua e rifiuti. "Le banche, in particolare, hanno evidentemente deciso durante l’estate di compensare il momento di crisi economica rivalendosi sui loro clienti, introducendo nuovi balzelli e aumentando il costo di alcune commissioni. Per quanto riguarda le assicurazioni il premio medio dell’Rc auto aumenterà dell’8%, per un importo pari a 33 euro. Lo studio è una elaborazione dei dati Istat, ossia considera le voci ed i pesi del paniere Istat, salvo per il dato delle assicurazioni, elaborato su dati Isvap" concludono le associazioni del Casper che per protestare contro le speculazioni sui prezzi e richiamare l’attenzione delle istituzioni sul problema del caro-vita, scenderanno in piazza il prossimo 23 settembre a Roma, Foggia, Salerno e Catania. Nella capitale le 4 associazioni si raduneranno alle ore 11:30 davanti la sede dell’Antitrust – chiedendo a gran voce l’intervento dell’Autorità – e daranno vita ad una "pomodorata", durante la quale i responsabili delle manovre speculative a danno degli utenti diverranno oggetto di lancio di pomodori.

 

 

 

Comments are closed.