TUTELA CONSUMATORI. Coop non molla, nonostante la crisi. VI Rapporto Sociale

Il 2009 è stato un anno complesso, ma c’è chi ha resistito, senza mollare la fiducia dei consumatori. Si tratta di Coop, che oggi ha presentato il suo sesto Rapporto Sociale Nazionale. Nonostante i tempi duri che hanno registrato e continuano a registrare cali di redditi, di consumi e di posti di lavoro, Coop ha cercato di fare la sua parte ed ha mantenuto gli impegni presi di fronte ai suoi soci lo scorso anno.

Sullo sfondo c’è un dato imprescindibile: le famiglie italiane spendono meno rispetto al passato per i consumi alimentari poiché ci sono tutta una serie di costi nuovi cui si deve far fronte, dall’energia alle comunicazioni, dall’istruzione all’abitazione. Ed è per questo che da qualche anno Coop ha cominciato ad inserirsi in altri ambiti commerciali.

Partita nel 2006, è sempre più consolidata l’esperienza dei corner salute, dove si vendono i farmaci di fascia C con la presenza del farmacista: nel 2009 sono stati 95 i corner salute attivi che, con una media giornaliera di quasi 200 scontrini, hanno registrato un aumento del 14,5% delle vendite. In questi corner salute si contano oltre 2.000 prodotti, il 75% dei quali è costituito da parafarmaci; oltre all’acido acetilsalicico ed al paracetamolo a marchio Coop, l’assortimento dei corner è stato arricchito da tre integratori alimentari a marchio Coop.

Altro settore in cui Coop si è inserita già dal 2006 è quello delle librerie: nel 2009 le librerie aderenti al sistema Coop hanno raggiunto il numero di 23, con centinaia di eventi organizzati ogni mese. Dal 30 marzo 2007 è attivo CoopVoce, il primo operatore mobile virtuale italiano, nato da un accordo tra Coop Italia e Telecom Italia. I consumatori possono acquistare le nuove schede SIM e le ricariche direttamente nei punti vendita Coop e tramite il sito www.e-coop.it, con un servizio disponibile su tutto il territorio nazionale e all’estero. Nel 2009 sono state attivate 160.000 nuove linee CoopVoce e il 39% dei clienti ha richiesto l’attivazione "portando" il proprio numero.

Oltre ai vari bonus e tariffe scontate CoopVoce ha lanciato l’opzione "No frontiere Coop che permette di telefonare a costi ragionevoli verso i paesi d’origine delle principali comunità di immigrati presenti in Italia. In questi settori, in particolare nella telefonia e nella vendita dei farmaci, l’aumento di concorrenza dovuto all’ingresso di nuovi attori ha permesso un contenimento dei prezzi.

"Il primo dovere che abbiamo verso i consumatori – ha sottolineato Riccardo Bagni, vice presidente di Coop Italia – è quello della tutela del potere d’acquisto. Nel 2009 il 20,7% del totale dei prodotti venduti è stato realizzato con prodotti in promozione e questo ha permesso un risparmio di circa 91 euro per ogni consumatore". Bagni ha ribadito il fatto che Coop non ha mollato su nessun aspetto della sua missione; non ha mollato sulla sicurezza dei prodotti né su quella dei lavoratori. Il 21,8% dei prodotti venduti nel 2009 sono stati a marchio Coop, a dimostrazione dell’elevata fiducia che i consumatori ripongono sulla sicurezza del marchio. Non si è mollato neanche sul fronte dell’ambiente, con i vari progetti per la riduzione dei rifiuti, degli imballaggi e con il recupero di 14 milioni di prodotti non vendibili, perché ammaccati o leggermente difettosi, destinati ai bisognosi.

Comments are closed.