TUTELA CONSUMATORI. Crisi finanziaria, CTCU: serve nuova regolamentazione dei mercati

La capacità di autoregolamentazione della finanza globale ha fallito e a farne le spese sono i cittadini di tutto il mondo. È necessaria una ridefinizione delle responsabilità della politica e dell’economia ma anche del ruolo dei consumatori, che devono diventare più consapevoli. Per uscire dalla crisi e fronteggiare il "caos del neoliberismo" la richiesta generale è quella di una democratizzazione a tutti i livelli, a partire dal controllo dei mercati finanziari. Sono i temi sviluppati dal Centro Tutela Consumatori Utenti che ha elaborato un vademecum di proposte per uscire dalla crisi: queste prevedono differenti politiche su prezzi e tariffe, una maggiore competenza da parte dei consumatori e interventi rivolti ai mercati finanziari.

Ecco in dettaglio le proposte del CTCU:

  • Migliore politica dei prezzi e delle tariffe
  • Rafforzamento delle competenze e della consapevolezza di consumatori e famiglie
  • Educazione al consumo fondata su criteri di eticità e sostenibilità
  • Prevenzione dell’indebitamento delle famiglie
  • Nessuna operazione fuori bilancio
  • Valutazione preventiva dei prodotti finanziari complessi da parte di un apposito ente di controllo, così come accade per i medicinali
  • Controllo pubblico sulle agenzie di rating
  • Maggiore consulenza finanziaria e previdenziale sostenuta con risorse pubbliche
  • Tutela efficiente contro la malaconsulenza degli intermediari finanziari
  • Riforma delle pensioni, considerato che solo un sistema pubblico offre reali garanzie di sicurezza permettendo ai cittadini un tenore di vita dignitoso: la previdenza complementare non può rappresentare la previdenza di base, e deve comunque essere vincolata a criteri di eticità e trasparenza.
  • Maggiore sostegno al potere d’acquisto (la discesa dei tassi deve tradursi in rate del mutuo più basse) e ai salari (con la collaborazione dei datori di lavoro e del fisco), ma anche provvedimenti nell’edilizia, nell’assistenza all’infanzia e agli anziani.

Comments are closed.