TUTELA CONSUMATORI. Ecc-Net Italia: ecco le diverse tipologie di conciliazione

Saranno numerosi i turisti che hanno subito, anche quest’estate, vari disagi durante la loro vacanze. Dalla cancellazione del volo allo smarrimento del bagaglio, alla non conformità della struttura alberghiera prenotata con quella pubblicizzata eccetera. Il Centro Europeo Consumatori Italia ricorda, nella newsletter "Europa Consumi" di agosto, che è possibile risolvere le controversie in modo extragiudiziale. Dal 1998, ricorda l’Ecc-Net Italia, la Commissione Europea ha fissato i principi cardine delle ADR (Alternative Dispute Resolution), ha allestito un codice di condotta dei mediatori.

Il Centro Europeo Consumatori informa che ci sono varie tipologie di ADR: la "mediazione", in cui un soggetto terzo aiuta le parti a trovare un accordo, senza assumere una posizione rispetto alla controversia; il "Consumer Complaint Board" dei paesi scandinavi, in cui il soggetto terzo cerca una soluzione e la presenta alle parti, con una raccomandazione non vincolante; l’arbitrato, in cui il soggetto terzo risolve la controversia adottando una decisione vincolante per entrambe le parti. C’è, inoltre, la conciliazione paritetica che si serve di protocolli di intesa tra le aziende e le Associazioni dei consumatori; in questo caso il confronto tra consumatore e azienda avviene tramite i rispettivi conciliatori. E per finire, la conciliazione transfrontaliera che, attraverso il sito www.risolvionline.com, si svolge interamente online permettendo così di superare il problema della distanza geografica tra imprenditore e consumatore.

Comments are closed.