TUTELA CONSUMATORI. Federconsumatori Abruzzo: il caso curioso delle Opel Meriva

Alcuni utenti hanno segnalato alla Federconsumatori Abruzzo una serie di anomalie collegate alle auto Opel modello Meriva, tali da generare rischi per l’incolumità dell’automobilista e dei passeggeri. La Casa automobilistica ha riconosciuto il difetto come vizio di fabbricazione. Questo per essere sanato richede un intervento risolutivo del costo di € 2000. Tuttavia – fa notare la Federconsumatori – i punti di assistenza autorizzati dove si sono recati molti consumatori nel tentativo di vedere risolto il proprio problema, hanno effettuato tentativi di riparazione che non hanno risolto alcunché ma esclusivamente rinviato ad ulteriore intervento con il rischio di far trascorrere invano i due anni di garanzia.

A tal proposito, l’Associazione ricorda ai consumatori che dopo 2 anni dall’acquisto, scadono i termini di garanzia e l’utente se non costituisce in mora il rivenditore perde così i diritti sanciti dal codice del consumo, vale a dire, in alternativa fra loro:
– Restituzione parziale del prezzo pagato (quanti minoris);
– Sostituzione della vettura;
– Risoluzione totale del contratto, con conseguente restituzione del prezzo pagato.

Comments are closed.