TUTELA CONSUMATORI. Finta vincita alla lotteria, CEC invita alla prudenza

Negli ultimi giorni molti consumatori si sono rivolti al Centro Europeo Consumatori (CEC), ufficio di Bolzano, dopo aver ricevuto per posta o via e-mail una comunicazione di vincita di dubbia provenienza da parte di una presunta lotteria, senza che avessero però partecipato alla lotteria in questione. Il CEC consiglia vivamente di non credere a tali lettere!

Si tratta in realtà – spiega l’associazione – di un trappola, con la quale si vuole indurre, con la prospettiva di vincite milionarie, a versare varie migliaia di Euro a titolo di cauzione, spese di gestione pratica o altro. In tutto il mondo circolano diverse varianti di queste comunicazioni, e molto spesso viene ottenuta la fiducia delle vittime di queste truffe utilizzando in modo improprio il nome di lotterie veramente esistenti (come ad es. "El Gordo de la Primitiva", "Loterìas y Apuestas del Estrado", ecc.), altre volte invece, vengono utilizzati anche nomi di fantasia (ad es. "Fortune Lotteria").
I destinatari delle comunicazioni di vincita falsificate vengono innanzitutto invitati a comunicare i propri dati personali e le coordinate bancarie, così come ad inviare una copia del proprio documento di identità. Ciò che salta subito all’occhio è in questi casi il fatto che come recapiti vengono sempre indicati soltanto numeri di cellulare, una casella postale oppure un indirizzo e-mail di un gestore gratuito. Se il consumatore decide di contattare la sedicente lotteria, viene subito invitato ad effettuare dei pagamenti anticipati di varie migliaia di Euro per coprire varie spese di gestione della pratica. Il consumatore viene pure invitato a provvedervi in fretta – rischia altrimenti di perdere la vincita. Inoltre, non deve raccontare a nessuno della sua vincita. Se il consumatore segue le istruzioni cosi ricevute, il denaro versato sarà perso.

Il CEC consiglia ai destinatari di tali comunicazioni di non reagire in nessun modo, di non comunicare in nessun caso i propri dati personali e le proprie coordinate bancarie e di non inviare copia del proprio documento di identità, ne tanto meno, di effettuare pagamenti alcuni. Chi invece dovesse essere già caduto nella trappola, potrà soltanto rivolgersi alla Polizia per sporgere denuncia. Nel caso in cui si abbia già comunicato le proprie coordinate bancarie, sarà inoltre bene contattare subito la banca per bloccare o chiudere il proprio conto, per essere certi che i truffatori non riescano prima o poi ad avere accesso al conto.

Sul sito internet del CEC è possibile scaricare un foglio informativo con consigli ed informazioni utili sul tema "Lotterie estere e giochi a sorte".

Comments are closed.