TUTELA CONSUMATORI. Formulari Pirelli, CODICI ottiene condanna vessatorietà

Su ricorso dell’Associazione CODICI, la VII sezione civile del Tribunale di Milano ha dichiarato abusiva una clausola contenuta nei formulari utilizzati per gli incarichi di mediazione di vendita immobiliare della catena di agenzie Pirelli e C. Real Estate Franchising. Più precisamente la clausola al vaglio del Tribunale è contenuta nell’art.10 in cui si parla dell’incarico di mediazione: secondo il Tribunale essa è abusiva nella parte in cui prevede che il proprietario sia tenuto a pagare una penale del 70% della provvigione in caso di recesso prima della scadenza naturale del contratto.

"Il Tribunale, accogliendo la tesi di CODICI, ha stabilito che appare chiaro lo squilibrio tra la posizione del venditore, o consumatore, e quella del mediatore, cioè il professionista – ha commentato Stefano Monguzzi, responsabile dell’Ufficio legale Lombardia di CODICI – questo perché il caso in cui il professionista recede senza giusto motivo è un’ipotesi inesistente. Basta infatti che il professionista non comunichi il recesso prima della scadenza – continua Monguzzi – ma cessi di coltivare l’incarico per ottenere comunque l’effetto desiderato senza dover pagare alcuna penale".

In altre parole, mentre la penale del 70% a carico del consumatore è pienamente efficace, quella posta a carico del professionista è una penale puramente fittizia.

"La posizione di squilibrio posta in essere dalle agenzie immobiliari è illegale e tutti i consumatori che hanno pagato penali per recesso anticipato del contratto potranno ottenere la restituzione delle somme versate – dichiara Ivano Giacomelli Segretario Nazionale del CODICI -Tale principio è inoltre estendibile non solo ai contratti della Pirelli e C. Real Estate Franchising ma a tutti i contratti di mediazione per la vendita immobiliare di qualunque agenzia come evidenziato dall’oramai consolidato orientamento del Tribunale di Milano".

Leggi anche:

TUTELA CONSUMATORI. CODICI ottiene condanna per contratti vessatori Remax

TUTELA CONSUMATORI. Re/Max, vittoria parziale per l’associazione Codici

Comments are closed.