TUTELA CONSUMATORI. Garanzie post vendita, Adiconsum chiede un tavolo per una Carta dei diritti

Sabato scorso l’Antitrust ha aperto 5 istruttorie nei confronti di 7 tra le aziende principali della grande distribuzione di prodotti di elettronica, informatica, tecnologia ed elettrodomestici. L’Autorità verificherà se le aziende hanno agito correttamente nell’informare i consumatori sull’esistenza della garanzia legale sui prodotti, sulle differenze con la garanzia convenzionale offerta a pagamento, sull’esercizio della garanzia legale e sul diritto di recesso.

Adiconsum si auspica che l’Autorità faccia chiarezza, perché "sono migliaia i reclami e le lamentele sull’impossibilità di cambiare un prodotto malfunzionante che pervengono all’associazione – dichiara Pietro Giordano, Segretario nazionale Adiconsum – Fino a qualche settimana fa, ad esempio, Mediaworld per tutti i prodotti Mac rinviava la riparazione ai Centri di Assistenza della casa produttrice, affermando che così ci sarebbero stati tempi più celeri di soddisfazione del cliente".

"Se è vero – continua Giordano – come hanno dichiarato i rappresentanti delle aziende oggetto dell’istruttoria che le accuse sono fuori dalla realtà e che i clienti sono il patrimonio delle Aziende, Adiconsum sfida Confcommercio, Federdistribuzione ed Aires ad aprire un tavolo di confronto con le Associazioni dei Consumatori per realizzare:

  • una Carta dei diritti dei consumatori, che codifichi norme precise laddove non ci sia chiarezza nelle norme esistenti;
  • un Avviso Comune, che individui proposte normative congiunte che vadano verso una maggiore chiarezza e trasparenza dei comportamenti aziendali, da proporre al Governo ed al Parlamento".

Intanto sul sito di Adiconsum è scaricabile il Decalogo dei diritti dei consumatori in caso di garanzie dei beni di consumo.

Comments are closed.