TUTELA CONSUMATORI. Giocattoli più sicuri: il 12 maggio entra in vigore il dl che attua direttiva UE

Buone notizie per i piccoli consumatori: presto in commercio ci saranno meno giocattoli pericolosi o contraffatti. Il 12 maggio 2011, infatti, entra in vigore il decreto legge n.54 dell’11 aprile 2011, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che attua la Direttiva Europea 2009/48/CE che tutela l’incolumità dei (giovanissimi) consumatori e il commercio del settore.

Il fenomeno dei giocattoli pericolosi o contraffatti è in costante crescita in tutta Europa. Soltanto in Italia, nel 2010 la Guardia di Finanza ha sequestrato ben 8,8 milioni di giocattoli pericolosi (+55,8% rispetto al 2009) e 10,3 milioni di giocattoli contraffatti (-7,6% in confronto allo scorso anno). E nei primi 2 mesi del 2011 sono stati sequestrati già oltre 2,17 milioni di giocattoli pericolosi e più di 745.000 giocattoli contraffatti.

Il decreto legge definisce, finalmente, il concetto di giocattoli ("prodotti progettati o destinati, in modo esclusivo o meno, a essere utilizzati per fini di gioco da bambini di età inferiore a 14 anni"), ed indica esplicitamente alcune tipologie di prodotti che non possono essere considerati giocattoli e che vanno esclusi dalla categoria. Particolare attenzione è posta sulle sostanze chimiche utilizzate e alla prevenzione del rischio di asfissia.

Il produttore ha una maggiore responsabilità ed è previsto un sistema di controlli che coinvolge anche i rivenditori, i quali devono contribuire alla creazione e conservazione di un sistema di dati che consentano di identificare il giocattolo in tutti i suoi passaggi. Queste misure servono a contrastare la contraffazione del marchio CE; i prodotti privi del marchio potranno essere presentati solo all’interno di fiere ed esposizioni, con chiara indicazione della mancanza di conformità.

E c’è un’altra novità: il ruolo riconosciuto ad Accredia, l’Organismo nazionale italiano di accreditamento, che viene incaricato dell’attività di vigilanza degli Organismi di valutazione che operano nell’ambito delle attività propedeutiche alla marcatura CE dei giocattoli da parte dei produttori. Il Ministero dello Sviluppo Economico si occupa poi della successiva "notifica" alla Comunità Europea.

Federico Grazioli, Presidente di Accredia, ha commentato: "La nuova disciplina adegua l’impianto normativo comunitario al progresso tecnologico di questa tipologia di prodotti, prevedendo sia l’aggiornamento sia l’adozione di nuovi requisiti essenziali in materia di sicurezza. Nel suo ruolo di valutatore degli organismi – conclude il Presidente – Accredia, anche in questo ambito, offrirà al mercato e ai consumatori massime garanzie di indipendenza, imparzialità e competenza degli stessi, garantendo la massima tutela di un fascia particolarmente esposta di consumatori e contribuendo al miglioramento della competitività delle aziende".

Comments are closed.