TUTELA CONSUMATORI. Il Centro Europeo Consumatori presenta i suoi 15 anni di attività

I consumatori altoatesini sono sempre più consapevoli dei loro diritti e li fanno valere: per loro il mercato unico europeo costituisce ormai un’opportunità da cogliere, soprattutto dal punto di vista finanziario. E’ quanto rileva il Centro Europeo Consumatori (CEC) che festeggia i suoi 15 anni di attività, presentando dati ed episodi. Nato nel 1996 nell’ambito di un progetto europeo del Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano e l’associazione austriaca Verein für Konsumenteninformation (VKI), nel 2005 il CEC è diventato membro della Rete dei Centri Europei Consumatori (ECC-Net) che conta 29 Centri (uno in ogni Stato Membro, con l’aggiunta di Islanda e Norvegia) e dal 2006 il CEC ha una sede principale a Roma e una sede transfrontaliera a Bolzano.

Al centro dell’attività del CEC c’è l’elaborazione e la distribuzione di materiale informativo, la consulenza e l’assistenza in casi concreti e l’aiuto all’accesso alle procedure transfrontaliere di soluzione alternative delle controversie (ADR). A bordo di un camper il CEC ha visitato le più importanti città e luoghi di villeggiatura del Trentino al fine di informare i consumatori in loco a proposito di viaggi e vacanze e ogni anno, prima dell’inizio delle vacanze estive, si tiene una conferenza stampa in materia di viaggi per fornire informazioni e consigli utili ai consumatori-viaggiatori e per presentare loro tutto il materiale informativo elaborato.

In 15 anni di attività il CEC ha affrontato casi particolari, spesso curiosi, a volte particolarmente gravi come quello di un fantomatico prodotto che è stato venduto in numerose manifestazioni in tutto l’Alto Adige, promettendo una nuova giovinezza in cambio di una parte consistente della pensione di molti consumatori anziani. Grazie all’aiuto del CEC, la Guardia di Finanza è riuscita a sequestrare ai sedicenti venditori germanici 30.000 euro. Nell’ambito di un procedimento davanti al Tribunale di Bolzano, si è deciso di distribuire la somma sequestrata tra i consumatori coinvolti; in questo procedimento il Centro Tutela Consumatori Utenti – che organizza il CEC Bolzano – è stato riconosciuto dal Tribunale quale ente esponenziale dei diritti dei consumatori.

 

Comments are closed.