TUTELA CONSUMATORI. In Piemonte una rete di sportelli per contrastare truffe e disservizi

Una rete di 53 sportelli del consumatore: una presenza capillare, in grado di offrire, grazie alla collaborazione di 11 delle associazioni regionali iscritte all’albo, contatti ed assistenza ai cittadini piemontesi vittime di truffe, abusi, disservizi. Lo stato dell’arte dello sportello del consumatore in Piemonte è stato tracciato, oggi, nel corso di una conferenza stampa dall’Assessore regionale al Commercio, Giovanni Caracciolo, alla presenza degli esponenti delle associazioni dei consumatori presenti sul territorio, intervenuti con testimonianze dirette per raccontare le esperienze vissute sul campo.

"La rete degli sportelli nasce dalla sensibilità e volontà di incidere positivamente sulla qualità della nostra vita. E’ questa una delle scommesse vincenti: governare il mercato, e non esserne schiavi, con una economia sana, basata sulla concorrenza e sulle regole. La rete degli sportelli si collega ad un Piano triennale in materia di "Tutela dei consumatori", già approvato da Giunta e Consiglio, che va proprio in direzione dell’investimento sulle risorse, sociali prima ancora che economiche, che derivano dalla conoscenza, dalla corretta informazione, dalla consapevolezza sviluppata dalla formazione. E di questi temi, compiutamente, si occupa il testo della nuova legge regionale che abbiamo predisposto e sarà presto discusso in Consiglio." – ha dichiarato l’assessore Caracciolo.

Sono stati oltre 52.000 contatti e richieste di aiuto avanzati agli Sportelli del Consumatore, in neanche tre mesi di attività, si legge dalla nota, soprattutto prodotti da una bolgia di messaggi e fumose tipologie contrattuali a volte senza controllo (si pensi all’incredibile contenzioso in materia di utenze e bollette telefoniche, alle ammiccanti e poco serie proposte in materia di credito e prestito, alle quantità incredibili di garanzie non rispettate e di prodotti e servizi senza qualità).

Deriva da questa analisi la scelta della regione Piemotne di produrre una nuova linea di depliant monotematici di informazione corretta sulle materie di maggiore e quotidiano interesse dei cittadini, diffusa attraverso gli Sportelli del consumatore, gli URP regionali, provinciali e comunali, gli Informagiovani. Altra iniziativa i corsi di formazione sul consumo consapevole, organizzati con significative personalità del mondo universitario,professionale ed imprenditoriale: corsi gratuiti, con più moduli di approfondimento, che copriranno i prossimi mesi all’insegna della più aggiornata e valida serie di informazioni in tema di diritti, qualità,risparmio.

"Complessivamente sono quasi un 1.400.000 € le risorse che tra il 2006 e il 2007 dedicheremo alla attività ed alla sempre più capace e diffusa presenza delle associazioni sul territorio regionale. Così come destineremo altre risorse disponibili verso l’informazione diretta ai cittadini con la rivisitazione di iniziative che hanno già ricevuto grande consenso di pubblico, quali le trasmissioni radiofoniche "I tuoi diritti in diretta" e gli incontri con i giovani consumatori, forse i più esposti alle attuali strategie pubblicitarie e commerciali da far west di alcune realtà economiche, produttive e commerciali. – ha concluso Caracciolo.

 

Comments are closed.