TUTELA CONSUMATORI. Milano, nasce il Coordinamento lombardo tra sei associazioni

Si è costituito oggi a Milano il Coordinamento dei Consumatori Lombardi (CCL) per dare maggiore incisività alle azioni a favore dei cittadini/consumatori. Si tratta di una nuova realtà che lega sei associazioni: Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino (MDC) e Unione Nazionale Consumatori che – per la prima volta – uniscono le rispettive competenze, strumenti e professionalità per creare una piattaforma in grado di tutelare a 360° i diritti individuali e collettivi del cittadino/consumatore.

Il Coordinamento dei Consumatori Lombardi – che rappresenta complessivamente oltre 20mila associati, sarà rappresentato dai presidenti regionali delle sei associazioni che lo hanno costituito e verrà diretto, a rotazione ogni sei mesi, da tutti i rappresentanti delle realtà coinvolte nel progetto – potrà contare su collaboratori altamente specializzati e oltre 100 consulenti di supporto.

"Ogni sei mesi, al momento di passare la presidenza del CCL al nuovo presidente regionale – ha spiegato Francesca Arnaboldi, presidente lombardo di Confconsumatori – faremo il punto e presenteremo i risultati sulle attività svolte". È il problema dei prezzi, inserito nella questione più ampia dei salari e del costo della vita, la priorità che intende affrontare, nei prossimi mesi, il Coordinamento dei consumatori lombardi.

"Intendiamo presentare proposte concrete, come incentivare la coltivazione diretta in Lombardia – ha continuato il presidente regionale di Confconsumatori – producendo ortaggi nella zona del Parco Sud di Milano. Oltre ad affrontare la questione dei prezzi, il neonato Coordinamento lombardo dei consumatori vuole sviluppare azioni comuni su alcune tematiche fondamentali tra cui la tutela del risparmio e dei servizi bancari e finanziari, dei mutui e della class action, che diventerà operativa nei prossimi mesi.

"Proprio l’introduzione di questo nuovo e importantissimo strumento ci ha convinti ad accelerare i tempi di costituzione del Coordinamento – ha aggiunto Arnaboldi – e prossimamente abbiamo programmato una serie di incontri con gli avvocati per definire una posizione complessiva". Senza trascurare la tutela dei piccoli cittadini, a cui vanno fornite informazioni e strumenti per un consumo consapevole e una gestione corretta degli stimoli e input pubblicitari.

"Oltre a mettere in campo le competenze in materia di difesa dei consumatori, intendiamo valorizzare l’expertise raggiunta sulla tutela dei minori e sulle problematiche relative alle nuove tecnologie", ha spiegato Lucia Moreschi, presidente regionale del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) e di MDC-Junior. Obiettivi che le associazioni intendono raggiungere insieme perchè "solo unendo le nostre forze e competenze – ha concluso Arnaboldi – potremo essere più incisivi nelle azioni di tutela e dare risposte efficaci a un cittadino/consumatore che deve essere sempre più attivo e vero interlocutore per le imprese, ma anche per le istituzioni".

 

 

Comments are closed.