TUTELA CONSUMATORI. Prodotti pericolosi, dall’Ue un modo più veloce per le notifiche

Si chiama "GPSD Business Application" ed è un sistema d’allarme in rete che permette ai produttori e ai distributori dell’Unione Europea di notificare alle autorità degli Stati membri i prodotti pericolosi per i consumatori. Questo nuovo sistema di sicurezza, operativo dal mese di maggio di quest’anno, è stato presentato oggi dal Commissario Ue alla tutela dei consumatori, Meglena Kuneva, alla Convenzione dei leaders del mondo aziendale europeo ad Helsinki.

Il "GPSD Business Application" introduce un’importante novità: fino ad oggi, in base alla direttiva comunitaria sulla sicurezza dei prodotti (General Product Safety Directive, 2001/95/CE) i produttori e i distributori avevano l’obbligo di allertare tutti gli Stati membri nel momento in cui veniva trovata una merce pericolosa sul mercato europeo. Ogni notifica, però, veniva inviata ad ogni Stato membro, separatamente.

Con il nuovo sistema d’allarme è possibile mandare le notifiche contemporaneamente a tutti i Paesi dell’Ue, attraverso un processo più semplice e veloce. Le notifiche vanno poi in un database che è accessibile soltanto alle autorità degli Stati membri. Queste ultime, così, hanno la possibilità di monitorare più facilmente la sicurezza dei prodotti per i consumatori, presenti sul mercato comunitario. Il fatto che le aziende possano direttamente intervenire in questo processo è di primaria importanza, visto che sulle 1866 notifiche ricevute nel 2008 dal sistema Ue d’allerta, il 48% è arrivato dalle aziende.

Comments are closed.