TUTELA CONSUMATORI. San Severo (FG), AACC insieme a difesa degli utenti di Italcogim

Sono 25.000 i consumatori della città di San Severo (FG) che stanno subendo disagi e vessazioni da parte della società Italcogim Energie SpA. A difendere gli interessi di questi cittadini arrivano le Associazioni dei consumatori che, attraverso un tavolo tecnico promosso e coordinato dal presidente del Movimento Consumatori di San Severo, Bruno Maizzi, hanno deciso di lavorare insieme. Accanto al Movimento Consumatori ci sono Acu, Adiconsum, Adoc, Casa del Consumatore, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori. L’azione delle Associazioni potrebbe estendersi anche ad altre città, dove è presente il Servizio Italcogim e dove vengono adottati comportamenti commerciali poco consoni che creano vessazioni e disagi all’utenza.

Le Associazioni chiedono urgentemente un incontro con un responsabile della Italcogim, affinché venga immediatamente riattivato l’ufficio, gestito direttamente dalla società, a cui ricorrere per segnalazioni, reclami, delucidazioni e quant’altro, con la certezza di essere ascoltati da personale qualificato. "Questa nostra specifica richiesta – precisa Bruno Maizzi – nasce dal fatto che, a ns. avviso, nella vasta organizzazione della società Italcogim, non vi è la necessaria sinergia tra i vari uffici (dal servizio clienti all’amministrazione), in quanto è provato che, l’utente che ritiene di aver ricevuto una indebita fattura e/o a seguito di un acclarato errore perpetrato in suo danno, nonostante utilizzi tutti i canali messi a disposizione dalla società (Numero Verde, Punto Assistenza e relativa A/R di Reclamo), si ritrova, senza alcun giustificato e/o confacente riscontro, a dover subire ingiuste angherie". "Non si può spingere l’utente – conclude Maizzi – pena il distacco a pagare una fattura non effettivamente dovuta, bisogna necessariamente, prima di giungere a soluzioni estreme, prestare ascolto e debita considerazione al cliente".

Comments are closed.