TUTELA CONSUMATORI. Toscana, successo per il vademecum del cittadino modello

Scegliere i prodotti secondo il giusto rapporto qualità-prezzo, gestire al meglio i rifiuti domestici, conservare il tempo necessario bollette e ricevute di pagamento. Per essere un consumatore accorto sono molte le attenzioni da adottare nella vita quotidiana. Per suggerire ai cittadini alcune regole di buon senso, nel 2008 la Regione Toscana ha stilato un vademecum, in distribuzione gratuita presso mercati e Comunità montane del territorio. L’iniziativa, che ha riscosso un notevole apprezzamento, si è articolata in una serie di tappe, l’ultima delle quali si è tenuta ieri a Lucca, alla presenza del assessore regionale alla tutela dei consumatori Eugenio Baronti.

Oltre ai diversi consigli illustrati nel depliant, il Kit del buon consumatore contiene una card con i recapiti delle associazioni di categoria della Regione, ed i numeri utili per risolvere le controversie commerciali (Camere di commercio, Corecom, Difensore civico). A ciò si aggiunge un’agenda tascabile composta da un block notes per le annotazioni di bilancio familiare e da una piccolo manuale per la lettura delle etichette di alimenti, capi d’abbigliamento ed elettrodomestici. "Tra le molte emergenze di questo periodo – ha dichiarato l’assessore Baronti – l’emergenza salari, collegata al diminuito poter d’acquisto delle famiglie ed a una diffusa sensazione di maggiore povertà e precarietà, è la più diffusa e preoccupante e fa da sfondo a tutte le altre. Una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori su quali siano i loro diritti aiuta a costruire un consumo più critico dove l’acquirente, modificando la domanda, modifica anche l’offerta. Per questo la Regione, in collaborazione con le associazioni dei consumatori, lavora su più fronti per informare i cittadini, sia dei loro diritti, sia delle nuove forme di commercio e di acquisto, più sostenibili, che in questi anni si sono affacciate anche sul mercato toscano".

Ma la campagna divulgativa ha coinvolto anche i più giovani. "Da gennaio ad ottobre – ha spiegato l’assessore alla tutela dei consumatori – un furgone acquistato dalla Regione e messo a disposizione delle associazioni ha girato per le Comunità montane della Toscana facendo tappa nei mercati e nelle scuole medie o superiori di 38 città. Abbiamo incontrato 1.350 ragazzi, distribuito oltre 14.000 copie di materiale informativo sul lavoro delle associazioni dei consumatori. Abbiamo an! che cons egnato quasi 14.000 kit di agenda, card e vademecum, di cui 700 nella sola Lucca stamani. Spesso informazioni che sembrano scontate non lo sono affatto. E non tutti sanno a chi rivolgersi se sentono i propri diritti violati. Abbiamo cercato di venire incontro alle persone che vivono un po’ più lontane dai grandi snodi del commercio e per questo ci siamo dedicati in primo luogo alle Comunità montane".

Comments are closed.