TV. MDC appoggia primo sciopero dei telespettatori promosso da Claudio Lippi

In tv è ormai emergenza rifiuti. Con questa provocazione il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) invita i cittadini a partecipare domenica 12 novembre al primo sciopero dei telespettatori, aderendo all’iniziativa promossa da Claudio Lippi "Spegni la tv della volgarità". L’appello è quello di spegnere il televisore anche solo per un minuto domenica 12 nella fascia tra le 17,30 e le 17,35.

Come già sottolineato ieri nel programma Consumi e Costumi, condotto da Giovanni Valentini su Repubblica tv, Francesco Luongo, responsabile del Dipartimento Tlc del Movimento, ha ribadito: "La paradossale reazione del conduttore e autore Claudio Lippi, che ha abbandonato la trasmissione Buona domenica divenuta un vero e proprio ring per ospiti rissosi, è significativa di un degrado senza precedenti".

"L’iniziativa non vuole essere una crociata contro le reti Mediaset – spiega Luongo – ma una prima protesta civile contro il contenuto dei palinsesti della tv generalista, orientato sempre più verso il trash. Un fenomeno negativo presente sia nella tv pubblica, in barba al contratto nazionale di servizio RAI e alle linee guida della Autorità Garante per le Comunicazioni, sia nelle tv commerciali, dove le regole dei codici di autoregolamentazione tv e minori proposti dai network sono spesso ignorati".

Secondo la nota dell’associazione, nel 2006 sono aumentate le denuncie del Dipartimento Junior di MDC per violazioni delle norme del codice soprattutto ai danni dei minori nella fascia protetta dalle 07.00 alle 22.30. Il Movimento Difesa del Cittadino, che invita da un lato i cittadini ad aderire all’iniziativa, dall’altro il mondo della scuola e della cultura ad appoggiare questa campagna di sensibilizzazione contro la tv della volgarità, chiede che nella televisione vi sia più qualità, maggiore attenzione verso i minori e meno spazzatura.

Visita il sito dell’iniziativa di Claudio Lippi "Spegni la tv della volgarità"

Comments are closed.