Tlc, multe ai call center ingannevoli

I call center delle compagnie telefoniche vengono richiamati all’ordine, nel rispetto della tutela dei consumatori. Il Tar del Lazio, infatti, ha emesso una sentenza in cui precisa che i call center che attivano servizi di utenza telefonica con caratteristiche difformi da quelle promesse, come per esempio la convenienza delle tariffe verso i numeri cellulari, sono soggetti a sanzioni da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Tali pratiche commerciali, oltre che scorrette, sono aggressive perché spesso danno informazioni che il consumatore non richiede, inducendolo ad assumere una decisione che non avrebbe altrimenti preso.

Con questa sentenza il Tar ha respinto il ricorso di Wind contro l’Antitrust per l’annullamento della multa inflitta dall’Autorità alla compagnia telefonica a marzo 2009. La pratica commerciale scorretta che è costata a Wind 215.000 euro è la Wind Absolute Tariffa, con cui i call center hanno concluso contratti, dopo aver acquisito il consenso registrato da parte del cliente.

Comments are closed.