Treni soppressi, il Ministero “liquida” i Consumatori

Dal 1° luglio non esistono più i due Eurostar che collegano Roma a Taranto. Trenitalia ha deciso di sopprimere sia l’Eurostar in partenza da Taranto alle 6.16, sia quello in partenza da Roma alle 15.45; non c’è più neanche la linea Intercity plus che parte da Taranto alle 14 e da Roma alle 12.52. Il 2 luglio sedici Associazioni dei consumatori appartenenti al Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti hanno chiesto ufficialmente un incontro urgente all’Amministratore delegato Trenitalia Vincenzo Soprano e al Direttore Generale Trasporto Ferroviario del Ministero dei Trasporti Massimo Provinciali, per conoscere il motivo di questi tagli. Le Associazioni hanno ricordato che questi treni fanno parte del servizio di trasporto universale e che questi tagli limitano il diritto alla mobilità di tutti i cittadini, isolando tutto il Sud e in particolare la Puglia e la Basilicata.

La risposta del Ministero dei Trasporti è stata diplomatica, ma in sostanza ha sorvolato sul problema, rimandando l’incontro a data indefinita.

Trenitalia resta nel mirino dei Consumatori anche per un altro aspetto: l’igiene e il confort dei treni in cui, magari si viaggia ad una velocità più elevata, ma si respira "un’aria malsana". E proprio questo aspetto è stato messo in luce da un’inchiesta condotta di recente da Altroconsumo, intitolata proprio "Treni dall’aria malsana". Dall’indagine dell’Associazione dei consumatori è emerso che l’igiene dei treni è altalenante, il comfort migliora, la pulizia varia molto da treno a treno, ma l’aria all’interno dei vagoni resta ancora insalubre.

In seguito a quest’inchiesta due parlamentari del Pdl, Giorgio Jannone e Gregorio Fontana, hanno inviato un’interrogazione al Ministero dei Trasporti, riguardante la precaria condizione dei convogli. I deputati chiedono al Ministro di "costituire, a breve termine, un organo capace di vigilare sulle condizioni dei vagoni utilizzati nei tratti con maggior frequenza di utenti". Infine si chiede di sapere "quali misure saranno adottate per impegnare Trenitalia a migliorare lo status di solubrità dei propri mezzi".

 

 

Comments are closed.