Unicredit tutelerà chi ha investito in polizze Lehman

Tutelare i clienti che hanno sottoscritto polizze index linked Lehman Brothers: questo l’obiettivo di Unicredit che convertirà le polizze per un valore complessivo di 400 milioni di euro. Il consiglio di amministrazione di Cnp UniCredit Vita, i cui azionisti di riferimento sono i gruppi Cnp Assurances e UniCredit, ha infatti deliberato un piano d’intervento a protezione degli investimenti in polizze index linked collegate a obbligazioni Lehman Brothers per un valore complessivo fino a circa 400 milioni di euro. L’iniziativa avrà un impatto sull’utile netto consolidato 2008 di Unicredit pari a 106 milioni di euro.

Le polizze, con le sottostanti obbligazioni Lehman, saranno trasformate in nuovi prodotti garantiti dalla compagnia che reintegreranno alla scadenza il capitale investito dal cliente, al netto delle cedole già percepite. L’operazione riguarderà circa 25 mila clienti che hanno sottoscritto tredice emissioni di polizze indenx linked per un importo nominale di 572,6 milioni di euro che scadranno nei primi sei mesi del 2009.

La decisione di Unicredit viene apprezzata dalle associazioni dei consumatori. Per il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) quella di Unicredit è "una scelta di responsabilità sociale". "Molti consumatori – spiega il presidente di MDC Antonio Longo – non erano stati adeguatamente edotti sui rischi impliciti nella sottoscrizione di tali prodotti che nella stragrande maggioranza dei casi venivano collocati fra la clientela retail come investimenti assolutamente privi di rischio e con garanzia di rimborso del capitale alla scadenza naturale del contratto. Il piano di intervento di Unicredit è una dimostrazione della volontà di ristabilire un rapporto trasparente e di fiducia con i propri clienti". "Invitiamo ora – conclude Longo – anche gli altri gruppi bancari a seguire il buon esempio di Unicredit".

Apprezzamento è stato espresso da Adiconsum. Il segretario generale Paolo Landi chiede infatti "a tutto il sistema finanziario, come in parte ha già fatto, di allinearsi alla decisione di Unicredit, CNP Univita". "Le Associazioni dei Consumatori aspettano da tempo un più ampio e generalizzato intervento – sostiene a sua volta Mario Finzi, presidente Assoutenti – e aspettano rassicurazioni in tal merito anche da ABI e ANIA dalle quali nei prossimi giorni dovrebbero arrivare risposte e interventi concreti."

L’invito alle aziende di seguire "la strada ormai tracciata" è rilanciato da Federconsumatori. "La notizia che le compagnie vita del gruppo Unicredit hanno deliberato di proteggere la propria clientela attraverso una sostituzione dei titoli sottostanti Lehman con nuovi prodotti garantiti dalla compagnia, è davvero confortante – afferma Federconsumatori – Questa importante decisione, oltre a consolidare ancor di più il percorso iniziato con l’azienda, attraverso tavoli di confronto già in atto da molto tempo con le Associazioni dei Consumatori, può portare ad una soluzione generale per un settore estremamente delicato, come quello delle polizze Unit e Index".

Comments are closed.