VINO. Nuove norme Ue per le denominazioni, Zaia chiarisce

E’ della scorsa settimana il via libera europeo alle nuove norme per la denominazione del vino. La nuova disciplina ha dato adito a numerose polemiche da parte di chi sostiene che in futuro non potranno più essere utilizzate le menzioni specifiche tradizionali Docg, Doc e Igt. A tal proposito il ministro Zaia specifica che: "L’Art. 54 par. 1, lett. a) del Reg. n. 479/2008, che entrerà in vigore dall’1 agosto 2009, stabilisce che le menzioni tradizionali potranno essere utilizzare per indicare che il prodotto reca una DOP o IGP, in loro sostituzione". Pertanto – conclude il Ministro – tali Menzioni Tradizionali corrispondono alle Menzioni specifiche tradizionali nazionali di cui alla preesistente normativa comunitaria (allegato III del Reg. n. 753/2002) che, si ripete, per l’Italia sono: DOCG, DOC, Vino dolce naturale, IGT, Vin de Pays, Landwein.

Comments are closed.