WELFARE. Nel Mezzogiorno è emergenza. Rapporto Irpp-Cnr

Il "Rapporto sullo stato sociale in Italia 2005-2006" dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Consiglio nazionale delle ricerche è dedicato all’analisi delle disparità tra Nord e Sud nel welfare: scuola, sanità, previdenza, assistenza, mercato del lavoro, formazione. Oltre a questi aspetti, i saggi in esso contenuti inquadrano il contesto più generale dell’economia e della società del Mezzogiorno e le tendenze generali del sistema nelle regioni meridionali.

"Con il modesto obiettivo", sottolinea Enrico Pugliese, direttore dell’Irpps-Cnr e sociologo all’Università di Napoli, "di fornire una documentazione dando anche, ove possibile, un’interpretazione delle cause della situazione attuale". Il quadro che emerge è infatti "tutt’altro che rassicurante, sia per quanto riguarda la quantità e qualità dei servizi forniti sia per la spesa e la sua efficacia".

Insufficienti e inadeguati, intanto, i servizi per gli anziani e la loro distribuzione sul territorio. In particolare, la storica frattura Nord-Sud appare rilevante se si considera la diffusione delle residenze sanitarie (Rsa): solo il 5,1% al Sud, contro il 70,4 del Nord e il 24,6% del Centro. La percentuale di anziani residenti in ospizi e case di riposo in Italia meridionale più dello 0,52%, contro una media nazionale di 1,36 e un picco nel Nordovest di 1,88. La ricerca sottolinea che nel Mezzogiorno il maggior inserimento nei nuclei familiari poveri porta gli anziani a contribuire con le loro risorse al sostentamento di tutto il nucleo, a discapito del proprio diritto all’assistenza.

Anche sul piano delle pensioni in rapporto alla popolazione il Mezzogiorno appare penalizzato. La distribuzione dei beneficiari vede il 49% al Nord, il 20% al Centro e il 31% al Sud, contro una ripartizione della popolazione generale rispettivamente del 44,,,19 e 36%. Ogni mille residenti, al Nord sono pensionati 84, nel Centro 272 e nel Mezzogiorno 271; se si prende invece in esame il rapporto tra pensionati e lavoratori la situazione si inverte: 692 al Nord, 719 nel Centro e 792 al Sud. Un effetto combinato tra l’età media più giovane e la maggiore disoccupazione, che nel Meridione è quasi doppia rispetto alla media nazionale (19 contro 9% circa). L’importo complessivo delle pensioni è nelle regioni settentrionali di 96.993 milioni di euro, in quelle centrali di 39.879 e nelle meridionali di 50.900 milioni. Un rapporto quasi di uno a due tra gli estremi geografici, dovuto ai diversi importi medi delle prestazioni e alla loro natura, prevalentemente assistenziale al Sud e contributiva nel resto d’Italia; un dato confermato anche dal numero di pensioni percepite da ciascun avente diritto grazie alla possibilità di cumulo, che al Sud è maggiore rispetto alla media nazionale per gli uomini (1,32 contro 1,30), ma minore per le donne (1,45 contro 1,48).

Dal sistema pensionistico a quello scolastico, anch’esso segnato da un generale malfunzionamento nel Meridione del Paese di cui sono indicatori la dispersione, l’abbandono, i percorsi accidentati più alti e le peggiori performance negli studi. Tale disagio, che si palesa soprattutto tra i 9 e i 14 anni, pone i ragazzi del Sud e delle Isole a una media di punteggio in Matematica di 428 e 423, contro il 466 dell’Italia e il 489 dei Paesi Ocse; in Lettura il Sud è a 445, le Isole a 434, l’Italia a 476 l’Ocse a 488.

Lo stato di salute sulla popolazione ha mostrato importanti progressi negli ultimi anni 50 anni, portando il nostro Paese dagli ultimi ai primissimi posti nel mondo in termini di speranza di vita (76,7 anni per gli uomini, che equivale al terzo posto al mondo e 82,7 anni per le donne, quarto posto al mondo). La mortalità infantile (prima del primo anno di età in rapporto al numero di nati vivi), parametro largamente usato per definire lo stato di salute di una popolazione, conferma: gli standard italiani sono migliori degli inglesi e pari a francesi e tedeschi, con il 45% delle regioni a livelli molto buoni (inferiori al 3,9 per mille), contro il 31% dei laender tedeschi.

Le differenze interne nel nostro paese arrivano però a più del triplo, dal 2 al 6,3 per mille (mentre negli altri paesi sono più contenute), e oltretutto nell’ultimo decennio si sono mantenute e, in alcuni casi sono cresciute. Nel netto miglioramento generale, con una riduzione a livello nazionale dall’8,2 per mille nel 1990 al 4,4 nel 2001, Sicilia e Calabria sono ad esempio progredite più lentamente del Veneto.

Uno sguardo alla graduatoria di distribuzione territoriale del potere economico per comparti e aree geografiche consente di notare che le prime 20 posizioni in classifica sono occupate, sia nel 1991 sia nel 2001, da attività con base nel Centronord, con le uniche eccezioni dell’occupazione nel sistema politico delle Isole (15° posto nel 2001) e del Mezzogiorno (19sima posizione). Al contrario, in tutte le 10 posizioni in coda alla graduatoria si trovano attività con base nel Meridione.

Anche la diffusione delle infrastrutture dell’Ict, mostra un ritardo complessivo e appare altrettanto scarsa l’applicazione delle politiche sociali per gli immigrati. "Soprattutto",
precisa Pugliese, "a causa della povertà e della sostanziale riduzione dei finanziamenti in materia che si è verificata negli ultimi anni. In altri termini il quadro legislativo e istituzionale è sostanzialmente immutato ma i deficit di implementazione sono stati notevolissimi. Ed essi sono più gravi proprio nel Mezzogiorno".

Comments are closed.