AMBIENTE. Europarlamento: più prodotti con l’Ecolabel, medicinali esclusi

Più prodotti con l’Ecolabel e uno studio per verificare se il marchio può essere assegnato solo ai cibi biologici. Il logo potrà applicarsi a tutti i prodotti e servizi ma non ai medicinali né ai prodotti tossici. È quanto prevede un regolamento approvato dal Parlamento europeo che semplifica le norme sul marchio europeo di qualità ecologica, l’Ecolabel, che ha l’obiettivo di ridurre le ripercussioni negative del consumo e della produzione sull’ambiente e sulla salute e promuovere presso i consumatori l’uso di prodotti con elevate prestazioni ambientali. Entro nove mesi dalla consultazione del Comitato dell’Unione europea per il marchio di qualità ecologica, la Commissione dovrà adottare provvedimenti per stabilire criteri specifici per il logo da assegnare a ogni gruppo di prodotti.

Secondo quanto rileva il Parlamento europeo, l’Ecolabel è attualmente assegnato a 26 gruppi di prodotti e servizi, tra cui gli elettrodomestici, i prodotti per la pulizia, i materassi, le forniture per ufficio, i prodotti per il giardinaggio, i prodotti per il fai da te e i servizi di ricettività turistica. Sono inoltre circa 500 le imprese che producono prodotti Ecolabel, per un fatturato totale di oltre 1 miliardo di euro l’anno. La Commissione ha proposto di rivedere il regolamento per includere un maggior numero di prodotti. E dunque il regolamento si applicherà "a tutti i beni e i servizi destinati alla distribuzione, al consumo o all’uso sul mercato comunitario, a titolo oneroso o gratuito". Non si applicherà invece ai medicinali per uso umano né a quelli veterinari e non potrà essere assegnato a prodotti che contengono sostanze o miscele tossiche.

Prima di elaborare criteri Ecolabel per alimenti e mangimi, la Commissione dovrà realizzare (entro il 31 dicembre 2011) uno studio che valuti se sia possibile assegnare il logo solo ai prodotti certificati come biologici. Solo allora verrà deciso "se è fattibile elaborare criteri Ecolabel per alimenti e mangimi e, in caso affermativo, per quali gruppi di tali prodotti".

Comments are closed.