ENERGIA. Autorità: intimazione a Enel ed Eni per mancate risposte ai reclami dei consumatori

Dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas arriva un’intimazione a Enel ed Eni perché rispondano ai reclami dei consumatori. “A tutela dei clienti finali – informa oggi l’AEEG – l’Autorità per l’energia ha intimato a tre società di vendita di energia elettrica e gas – Enel Energia, Enel Servizio Elettrico e Eni Divisione Gas&Power – di rispondere a tutte le richieste di informazioni e chiarimenti sui reclami inviati dai consumatori allo Sportello per il consumatore dell’Autorità, alle quali non è ancora stata data risposta. Infatti, da recenti controlli dell’Autorità, è emerso che un elevato numero di richieste di informazioni necessarie per valutare i reclami dei clienti finali, non sono state evase dagli operatori o lo sono state in ritardo rispetto ai termini previsti”.

Le delibere dell’Autorità prevedono che l’inottemperanza all’intimazione costituisca presupposto per l’avvio di un’istruttoria formale per l’eventuale irrogazione di una sanzione amministrativa. Le tre società dovranno inviare all’Autorità una comunicazione con evidenza di avere ottemperato all’intimazione.

Con questo l’intervento, l’Autorità intende assicurare risposte complete e tempestive. “La tempestività nelle risposte da parte degli operatori alle richieste dello Sportello per il consumatore – rileva l’AEEG – è particolarmente rilevante; infatti, i reclami inviati allo Sportello stesso sono riferiti a problematiche che i singoli clienti hanno di norma già segnalato al proprio fornitore e per i quali non hanno ottenuto risposta o hanno avuto una risposta ritenuta non soddisfacente”.

In particolare, l’Autorità ha stabilito che il venditore debba rispondere in modo completo ai reclami dei clienti entro 40 giorni solari; se tale termine non viene rispettato, il cliente ha diritto ad un indennizzo automatico in bolletta di 20 euro, che possono arrivare fino a 60 euro per ritardi di oltre 120 giorni nella risposta. Nel caso in cui il cliente finale non riceva risposta dal proprio fornitore o riceva una risposta ritenuta non soddisfacente, può inoltrare una segnalazione corredata di tutta la documentazione allo Sportello per il consumatore, presso Acquirente Unico, Via Guidubaldo del Monte 72 – 00197 Roma, oppure via fax al numero 800185025. Dal prossimo novembre l’Autorità pubblicherà inoltre una graduatoria sulla qualità delle risposte degli operatori ai reclami ricevuti dai propri clienti.

Comments are closed.