OSSERVATORIO. Guidatori più spericolati quando sono all’estero: l’Ue prende provvedimenti

Ogni tanto ci piace pensare di essere su un circuito di rally, spingiamo un po’ troppo sull’acceleratore e ci comportiamo in modo scorretto, nei nostri confronti ma soprattutto verso gli altri utenti della strada. Per non parlare della propria automobile, che si sa non è indistruttibile. E visti i costi che già dobbiamo sostenere per il suo mantenimento, sarebbe consigliabile evitare di fare colpi di testa. Se proprio non possiamo farne a meno, nessuno ci vieta di andare in un circuito e fare ciò che più ci diverte, e poi se mettiamo le assicurazioni auto più vantaggiose a confronto risparmiamo da una parte e saremo in grado di riparare gli eventuali danni dall’altra.

La Commissione europea punta il dito contro le cattive abitudini al volante dei suoi cittadini, indisciplinati soprattutto quando guidano fuori dai confini del proprio Stato: “Le probabilità che un conducente straniero commetta un’infrazione sono tre volte superiori rispetto ad un residente – denuncia il vicepresidente della Commissione europea e responsabile per i trasporti Siim Kallas. Il motivo? Difficilmente le infrazioni commesse all’estero vengono punite, a causa della difficoltà di identificare e perseguire il guidatore una volta che è rientrato in patria.

Ora però l’Ue ha deciso di intervenire per contrastare questa tendenza, realizzando una rete elettronica per consentire lo scambio di dati tra gli Stati membri e favorire il riconoscimento degli automobilisti indisciplinati. “Queste nuove disposizioni dovrebbero avere un forte effetto deterrente e indurre i conducenti a modificare il loro comportamento”, spiega Kallas. In caso contrario, le multe saranno in grado di raggiungere chi sgarra anche da un Paese all’altro.

Per evitare spiacevoli inconvenienti, gli automobilisti faranno bene a rispettare le regole anche all’estero e a dotarsi di un’assicurazione auto che copra eventuali sinistri oltreconfine. All’interno dell’Unione Europea i i veicoli assicurati in uno degli Stati membri possono circolare liberamente; per viaggiare in auto al di fuori di questi Stati è invece necessario richiedere la Carta Verde alla propria compagnia di assicurazione, ovvero un certificato internazionale di assicurazione che dimostra che il proprio mezzo è in regola con l’rca. Infine, per trovare la polizza auto più adatta alle proprie esigenze è possibile utilizzare il servizio di confronto assicurazioni online di SuperMoney, che permette di valutare i preventivi rca di 17 compagnie.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.