OSSERVATORIO. Nove italiani su 10 vivono in modo “eco”: i consumatori più green sono donne

Risparmiare su luce e gas è essenziale sia per ridurre i costi della bolletta che per contenere le emissioni di Co2. Adottare un consumo consapevole, operare interventi di riqualificazione energetica all’immobile e scegliere la tariffa più adeguata alle proprie abitudini sono ottime prassi per evitare gli sprechi. Per scegliere un’offerta energetica possiamo mettere le tariffe per l’energia elettrica a confronto in maniera tale da selezionare quella più funzionale per ciascuno di noi.

 

L’Italia sta diventando un Paese sempre più attento alle rinnovabili ed ai consumi. Un recente studio dell’Istat ha rilevato un boom di impianti fotovoltaici sugli edifici pubblici comunali, risultato che potrebbe spingere anche i privati ad investire maggiormente in queste tecnologie.

 

L’indagine della Fondazione Impresa ha indagato quali siano i consumatori più “eco”. Sono risultati più attenti all’ambiente le donne residenti al Nord, titolari di un diploma, tra i 35 e i 54 anni. In generale, comunque, la grande maggioranza dei cittadini si dà da fare per la salvaguardia del pianeta: lo studio, effettuato su 600 persone, mostra che l’88,3% adotta quotidianamente almeno cinque comportamenti ecosostenibili, mentre appena il 10,5% pensa che le proprie abitudini e le scelte di consumo influiscano poco o per nulla sull’ambiente.

 

Il 94,8% del campione cerca di non sprecare acqua, l’88,8% usa lampadine a basso consumo per risparmiare energia elettrica, l’84,5% acquista cibi di stagione o biologici, l’82,5% limita l’uso dell’impianto di gas e riscaldamento o di raffreddamento e il 75% effettua la raccolta differenziata.

 

Se i comportamenti “green” sono piuttosto diffusi tra le mura domestiche, una volta fuori casa gli italiani faticano di più a rispettare l’ambiente: i mezzi di trasporto pubblici e la bicicletta sono utilizzati solo dal 58,6% degli intervistati, ancor meno si servono del car sharing (33%) e l’acquisto di prodotti sfusi è ancora poco diffuso (31,5%).

 

Per il futuro è possibile intravedere una maggiore diffusione dei comportamenti ecosostenibili: il 13,4% degli intervistati, infatti, ha dichiarato che al momento non compra prodotti sfusi ma si è detto disposto a farlo, l’11,3% si è dichiarato disponibile all’utilizzo dell’automobile in condivisione e il 10,8% si sente pronto per la raccolta differenziata.

 

Tra le pratiche più importanti per ridurre l’impatto ambientale c’è il taglio agli sprechi energetici, che permette di inquinare meno e nel contempo di risparmiare sulle bollette. La prima cosa da fare è scegliere le tariffe di luce e gas più adatte ai propri consumi, utilizzando il servizio di confronto energia di SuperMoney, che permette di valutare le offerte più convenienti tra quelle di numerosi operatori, come Enel Energia, Eni, Edison e molti altri.

 

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.