OSSERVATORIO. Novità per le assicurazioni auto

Se fosse possibile decidere di assicurare o meno la propria automobile, probabilmente la maggior parte degli italiani motorizzati deciderebbero di non farlo, visti i prezzi stratosferici di cui si sente parlare. Ma purtroppo non è una scelta che spetta a noi fare ma possiamo ugualmente tutelarci e decidere di fare un confronto delle migliori tariffe sull’assicurazione per l’auto presenti sul mercato in modo da trovare un’offerta che possa interessarci più di un’altra, stante la parità di qualità del servizio erogato.

Ma arrivano buone nuove dal fronte delle assicurazioni auto, o meglio, si spera che i buoni propositi diventino realtà. Durante il 12° Annual delle Assicurazioni il presidente dell’Isvap Giannini, ha annunciato grandi cambiamenti per quel che riguarda il settore. Dopo lunghi mesi di scontri e polemiche tra l’Istituto,  le associazioni dei consumatori e il Governo, sembra sia arrivato il momento di rimboccarsi le maniche. La prima mossa sarà quella di confrontarsi con tutte le parti in causa e successivamente, si spera entro la fine dell’anno, verrà preparato un pacchetto di misure, con soluzioni da prospettare al Governo e al Parlamento. In soldoni, la prospettiva per le famiglie italiane è vedersi ridurre il premio da corrispondere per l’Rc auto. Dopo anni di aumenti selvaggi forse ci sarà una riduzione. I dati dicono che dal 1994 ad oggi le assicurazioni auto hanno registrato una crescita del 173%; solo durante l’anno scorso, l’aumento è stato del 18%. Le compagnie si sono sempre difese giustificandosi con una motivazione: i costi aumentano a causa del dilagante fenomeno delle frodi e delle speculazioni sugli indennizzi.

La crescita di tali fenomeni è reale ma gli aumenti vertiginosi sono forse un po’ eccessivi. Ora l’Autorità per la vigilanza sul mercato assicurativo ha annunciato delle proposte di intervento idoneo ad aprire la strada ad un significativo ribasso delle tariffe. In primis c’ è la rimodulazione del bonus – malus, ovvero il sistema si compensazioni forfettarie che attualmente è la causa principale delle speculazioni attuate da parte delle compagnie sui prezzi delle polizze. Inoltre l’Isvap si impegna a salvaguardare la riforma del risarcimento diretto, avvenuta nel 2007, e a limitare il fenomeno della compravendita dei sinistri, tramite il meccanismo della cessione del credito a carrozzieri o studi legali di infortunistica stradale. Infine, come annunciato da tempo, da gennaio 2011, sarà attiva la Banca Dati dei Sinistri, un sistema automatizzato in grado di schedare tutti i sinistri, secondo nominativi, targhe, testimoni o luoghi. Le novità per quel che riguarda le assicurazioni auto sono molte. La speranza è che se non completamente, almeno in parte, tutte queste belle idea diventino realtà.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.