PREZZI. Caro benzina, Faib: “Compagnie tengano a freno i prezzi e il Governo sterilizzi l’Iva”

Se da un lato ci sono le Associazioni dei consumatori che denunciano nuovi rialzi dei prezzi dei carburanti (1,419 per la benzina e 1,249 per il gasolio) in previsione degli esodi festivi e reclamano un intervento governativo di contenimento del caro-carburanti, dall’altro c’è la Faib, Federazione autonoma italiana benzinai, che parla di alcune offerte vantaggiose nel mercato. La Faib invita le Associazioni dei consumatori “a non sparare nel mucchio e a leggere correttamente il mercato che già oggi è in grado di offrire diverse opzioni di rifornimento, sia in termini di modalità che di convenienza”. “Sta al consumatore scegliere secondo le proprie esigenze”.

La Faib sottolinea poi che “sia il prezzo del petrolio che quello dei prodotti finiti sono agganciati a fattori internazionali – dove operano una moltitudine di attori istituzionali e di mercato – anche se è di difficile comprensione un andamento dei prezzi che a fronte di una domanda in calo e di un esubero di prodotti assume una dinamica rialzista”.

Faib chiede alle compagnie, in previsione delle festività pasquali, di tenere a freno la leva dei prezzi e al Governo di sterilizzare l’Iva e attivare meccanismi di contenimento delle accise.

Comments are closed.