PREZZI. Benzina. Indagine Adoc: in Italia costa il 2,1% in più

Secondo un’indagine dell’Adoc, un litro di verde in Italia costain media il 2,1% in più che nel resto della zona Euro. Solo in Norvegia la verde costa di più. "In Austria, ad esempio un litro di verde costa 1,20 euro, il 16,6% in meno che in Italia, in Spagna si risparmia il 21,7%, in Irlanda il 4,4%. Solo in Olanda, Finlandia e Grecia mettere benzina è più esoso che in Italia – spiega Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – Va detto però che la situazione greca è particolare, dopo la manovra contro la crisi i carburanti sono stati ulteriormente tassati. Anche al di fuori della zona Euro si registra un caro benzina tutto italiano. Nella vicina Svizzera per un litro di verde si spende il 20,6% in meno, in Svezia si paga il 2,9% in meno. Prezzo medio simile invece in Gran Bretagna e in Portogallo. L’emergenza benzina che si vive in Italia e danneggia i consumatori sia direttamente, al momento del rifornimento, che indirettamente con il rincaro dei prodotti , in primis gli alimentari, che subiscono le fluttuazioni dei carburanti, impone l’accelerazione sui tempi della riforma".

L’Associazione chiede che, oltre all’applicazione del protocollo di riforma, si realizzi in tempi stretti un taglio delle accise di 10 centesimi. la liberalizzazione delle pompe bianche, dando la possibilità di vendere anche prodotti "non-oil" ai distributori tradizionali, il cui numero sul territorio è sufficiente ma può essere anche aumentato. In questo modo si incentiverebbe la concorrenza, con ricadute positive per i consumatori, in quanto si creerebbero le condizioni per un ribasso del prezzo finale della benzina.

Comments are closed.