SALUTE. Farmaco antiobesità, Codacons in difesa del provvedimento ministeriale

Il Codacons è intervenuto ieri al Tar del Lazio a sostegno del Ministero della Salute, per la vicenda del farmaco Fendimetrazina, finito nell’occhio del ciclone dopo alcune morti sospette di pazienti che ne facevano uso. Il ricorso è stato presentato da alcuni farmacisti contro il divieto ministeriale che lo scorso 2 agosto ne ha vietato la fabbricazione, l’importazione e il commercio, anche attraverso la vendita via internet perchè sostanza con potere tossicomanigeno.

 Il Codacons si è schierato a difesa del provvedimento ministeriale chiedendo di rigettare il ricorso presentato da alcuni farmacisti e di confermare la legittimità del decreto ministeriale. Per l’associazione, infatti, le troppe morti legate all’utilizzo della Fendimetrazina e la necessità di tutelare la salute dei cittadini, impongono misure drastiche come quella decisa dal Ministero, e gli interessi economici dei privati non possono mai venire prima della salute degli utenti. Il farmaco è oggetto anche di un’inchiesta della Procura di Roma aperta dopo alcune morti sospette per accertare l’eventuale omesso controllo sulla commercializzazione, l’utilizzo e la prescrizione.

 

Comments are closed.