Uffici postali, Giacani: nessuna chiusura

Da qualche giorno riceviamo segnalazioni di cittadini allarmati per la diffusione della notizia che vorrebbe la chiusura di alcuni uffici postali per il periodo estivo. Help Consumatori ha intervistato Romolo Giacani, Responsabile nazionale dei rapporti con i consumatori di PosteItaliane, per saperne di più che ha rassicurato: "Non sono previste interruzioni".

Sono ricorrenti allarmi lanciati in prossimità dell’estate per chiusure totali o riduzioni di orario degli uffici postali, soprattutto nei piccoli centri. Cosa c’è di vero? C’è un piano di riduzione dei servizi? E come è articolato?
Non sono previste interruzioni del servizio in estate. E’ previsto dalla legge (DM 28/06/07) che possono essere effettuate rimodulazioni degli orari o dei giorni di apertura in alcuni uffici postali nel periodo estivo, ma si tratta di riduzioni di orario legate all’effettiva ed oggettiva riduzione della domanda in alcune aree specifiche secondo analisi storiche, che non comportano comunque alcuna interruzione del servizio. In ogni caso tali rimodulazioni non saranno effettuate nei comuni in cui è presente un solo ufficio postale ed inoltre non potranno ridurre l’orario dell’ufficio al di sotto delle 18 ore settimanali, suddivise almeno in tre giorni settimanali. Tali piani di rimodulazione devono essere comunicati preventivamente dall’azienda al Ministero dello sviluppo economico, che vigila sull’effettiva rispondenza delle rimodulazioni ai criteri legislativi e verifica sul posto, attraverso un soggetto esterno indipendente, la conformità al piano comunicato. Il piano viene inoltre comunicato anche al Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti, di cui fanno parte i rappresentanti delle principali associazioni dei consumatori.

Ma in ogni caso sono garantiti i servizi essenziali come il pagamento delle pensioni?
Sì. Le eventuali rimodulazioni degli orari estivi in alcuni uffici non comportano una riduzione delle tipologie di servizio che vengono offerte dall’ufficio nel corso di tutto l’anno, e a maggior ragione con riferimento ai servizi essenziali al cittadino come il pagamento delle pensioni.

Nei casi di riduzione dei servizi, che comunicazione date ai cittadini, con quali strumenti?
Ai sensi della normativa citata, l’azienda garantisce l’informazione preventiva e puntuale ai cittadini su ogni rimodulazione di orario al pubblico. In particolare,è prevista una specifica attività di comunicazione alla clientela che consiste nell’affissione di un cartello sulla vetrina di ingresso degli uffici postali interessati con l’indicazione della nuova articolazione oraria e del periodo di riferimento, e con l ‘indicazione dei due uffici più vicini regolarmente aperti e dell’ ufficio più vicino aperto anche nel pomeriggio.

Comments are closed.