Acqua, Aeeg: al via procedimento per restituzione importi non dovuti

L’Autorità per l’energia, al fine di dare esecuzione alla sentenza del Consiglio di Stato,  ha approvato uno specifico provvedimento per la definizione dei criteri di calcolo degli importi da restituire agli utenti finali, corrispondenti alla remunerazione del capitale investito e versati nelle bollette dell’acqua nel periodo post referendum, dal 21 luglio al 31 dicembre 2011. Per individuare la quota parte della tariffa da restituire agli utenti finali con riferimento al periodo compreso fra il 21 luglio e il 31 dicembre 2011, l’Autorità fa sapere che intende seguire i criteri già utilizzati per la definizione del c.d. Metodo Tariffario Transitorio che copre il biennio 2012-2013, all’interno del quale già si sono considerati gli effetti del referendum abrogativo, criteri, tra l’altro, confermati nel parere 267/13 del Consiglio di Stato quando si afferma che, anche nell’ambito dell’intervento di restituzione debba comunque essere assicurato il rispetto del principio del full cost recovery.L’Autorità invita, infine, utti i soggetti interessati – e in particolare le associazioni dei consumatori e dei gestori, gli Enti d’Ambito, le Regioni ed gli altri soggetti portatori di interessi collettivi – a presentare eventuali osservazioni entro 30 giorni dalla data della pubblicazione della delibera.

Comments are closed.