Acqua, indagine Aqua Italia: il 70% dei pensionati beve quella del rubinetto

Sarà per abitudine, sarà perché è meno cara, ma i pensionati preferiscono l’acqua del sindaco a quella minerale: il 70% dichiara di bere acqua del rubinetto. E’ emerso dalla ricerca dell’Istituto indipendente CRA Nielsen commissionata da Aqua Italia. Il totale degli intervistati over 65 dichiara nello specifico di bere acqua del rubinetto sempre o quasi (il 50,4%), occasionalmente (il 14,9% ) e raramente il 4,6%. I motivi per cui i pensionati la preferiscono sono molti: al primo posto la bontà indicata dal 33,4% degli intervistati come motivazione valida per preferirla alla cugina in bottiglia, segue a breve distanza la comodità (28%) e il 19,3% la sceglie per i maggiori controlli rispetto a quella confezionata.
Inoltre, si è indagato sul fenomeno dei Chioschi dell’Acqua che oggi erogano in moltissimi Comuni, a seconda della tipologia, acqua refrigerata, gasata o filtrata. Usa o userebbe il servizio (qualora lo proponesse il Comune di riferimento) rispettivamente il 37,1% degli intervistati mentre tra i residenti in comuni che non hanno proposto il servizio, solo il 9,8% degli intervistati in caso di attivazione non aderirebbe ugualmente.
Infine, il 16,5% degli intervistati dichiara di avere almeno un dispositivo di trattamento dell’acqua nella propria abitazione. La tipologia più gettonata è la caraffa filtrante, acquistata nel 7,2% dei casi seguita dai sistemi con filtro per l’eliminazione del cloro (4,4%). Tra coloro i quali hanno acquistato un apparecchio di affinaggio domestico dell’acqua, il 10,3% ha sottoscritto un abbonamento di manutenzione periodica.

Comments are closed.