Energia, Adiconsum all’Autorità: istituire Fondo di solidarietà

È fondamentale avviare un’indagine sul fenomeno della morosità e istituire un Fondo di solidarietà in favore dei consumatori in difficoltà: in audizione con l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, Adiconsum ha evidenziato l’eccessivo costo della bolletta e le drammatiche conseguenze in termini di morosità, riportando i dati del Terzo Rapporto Annuale Unirec secondo il quale le  pratiche, quelle affidate dalle utilities e TLC alle imprese Unirec incidono per quasi il 50% delle posizioni (circa 17.000.000 il numero pratiche, per un valore di miliardi di euro).

“Dati sconcertanti – afferma Pietro Giordano, presidente Adiconsum – che evidenziano una situazione grave. Cresce infatti il numero dei cittadini che non riesce più a pagare, non per mancanza di volontà ma per incapacità oggettiva; consumatori ormai senza alcuna “rete di supporto” nella morosità”.

Per far fronte a questa emergenza Adiconsum chiede di avviare un’indagine sull’incidenza e sul peso sociale della morosità e di istituire un Fondo di solidarietà, con una quota di pochi centesimi in bolletta,  finalizzata a realizzare una serie di attività a favore dei consumatori e a consentire interventi, in maniera mutualistica, in caso di situazioni di criticità economiche.

“Centrali restano poi – prosegue Giordano – le tematiche delle pratiche commerciali scorrette e delle attivazioni di contratti non richiesti, della gestione reclami e della conciliazione paritetica, che rappresentano i veri strumenti per misurare la correttezza del mercato e che, se indeboliti, possono causare gravi danni di sistema e produrre comportamenti seriali scorretti. E’ necessario una nuova cultura sull’energia ed investire nella responsabilità etica verso la collettività. Il Raggiungimento degli obiettivi ambientali fissati dalla Comunità Europea – conclude Giordano – passa attraverso un’adeguata ed attenta strategia a medio e lungo termine, capace di realizzare aumento dell’efficienza energetica, implementazione delle fonti rinnovabili, Sviluppo delle Smart Grids e anche per un nuovo ruolo dei distributori”.

Comments are closed.