Energia, Adiconsum: Fondo di solidarietà per fasce deboli con 1 cent a bolletta

Elettricità, gas e acqua: quando arriva la bolletta, non sono poche le famiglie che si trovano in difficoltà. La crisi ha eroso il potere d’acquisto e costretto a intaccare i risparmi anche per le spese quotidiane. Nel biennio 2010-2011 circa il 10% delle famiglie si è trovata in condizioni di morosità sui pagamenti del servizio elettrico e del gas, come ha evidenziato la recente relazione annuale dell’Autorità per l’energia, e i prezzi sono appena aumentati nel settore gas, nel quale dal 1° luglio è scattato un rincaro del 2,6%, mentre ad aprile le tariffe dell’elettricità erano schizzate in alto del 5,8%. Questo il quadro nel quale Adiconsum rinnova una proposta: istituire un Fondo di solidarietà per le fasce più deboli della popolazione, finanziato con un centesimo a bolletta.

L’associazione ricorda come nella stessa relazione dell’Autorità energia sia stato evidenziato che i prezzi italiani per l’elettricità in casa per la classe di consumo 2.500-5.000 kWh/anno siano ancora relativamente più elevati rispetto alla media europea di 18,16 cent/euro, con un differenziale del 12,8%. “Adiconsum ritiene – afferma Pietro Giordano, segretario generale dell’associazione – che si possa e si debba fare di più per ridurre ulteriormente le bollette elettriche, a cominciare dall’eliminazione del pagamento degli oneri impropri”. Molte famiglie hanno problemi, e non pochi, nel pagamento delle utenze. Così Adiconsum, prosegue Giordano, “rilancia la proposta di istituire un Fondo di solidarietà: basterebbe un centesimo a bolletta, per intervenire a favore delle fasce più deboli della popolazione (pensionati, famiglie monoreddito, ecc.)”.

Nella relazione annuale del 27 giugno l’Autorità aveva anche lanciato una proposta per le bollette, quella di destinare parte del gettito Ires “a compensare una riduzione dell’Iva sulle componenti tariffarie parafiscali”. Sostiene Giordano: “In merito alla proposta dell’AEEG di utilizzare una parte dell’IRES versata dalle aziende per ridurre l’Iva sulle componenti parafiscali delle bollette, Adiconsum non può che trovarsi d’accordo, purché si passi dai proclami ai fatti”.

Comments are closed.